Strage Sassano, padre vede morire figli nel proprio bar: avevano 22 e 17 anni

Una tragedia nella tragedia quella che si è consumata nel pomeriggio di domenica a Sassano. La notizia è ovunque. La comunità valdianese è sconvolta. A perdere la vita quattro giovani e uno versa in gravi condizioni all’ospedale di Polla. La dinamica è chiara: un’auto ha travolto i clienti di un bar e quattro sono morti sul colpo. Si tratta di Luigi Paciello, 14 anni fratello del conducente della Bmw Gianni Paciello che è in ospedale; Daniele Paciello, 15 anni; Giovanni Femminella, 17 anni, fratello di Nicola Femminella, 22 anni. Questi ultimi sono i figli del proprietario del bar ‘New club 2000’. L’uomo ha dunque visto morire i figli davanti ai propri occhi. Erano al bar come quasi ogni pomeriggio. Passavano di lì per aiutare la famiglia o trascorrere qualche ora di svago insieme agli amici di sempre. La domenica la tappa al ‘New club 200’ era un po’ obbligatoria per tutti: all’interno il locale trasmette le partite della serie A. I giovani si accomodano lì per bere qualcosa e sperare di centrare la fortuna controllando le schedine giocate al mattino.

Nicola Femminella è nato ad ottobre, nel 1992. Era fidanzato e tifosissimo della Juventus. Da mesi seguiva un progetto: la creazione di un sito web dove poter vendere e acquistare merce usata. Questa estate era stato in vacanza a Marina di Camerota con la fidanzata e gli amici. Il fratello, Giovanni, era più piccolo. Giocava a calcio nella ‘Gaetano Romanelli Valdiano’ e frequentava l’istituto superiore tecnico Sacco a Sant’Arsenio. La sua bacheca è stata subito invasa dai commenti di quanti lo conoscevano: «Giovanni eri e sei un grande ragazzo. Riposa in pace ovunque tu sia», «Ciao tesoro mio mi mancherai, mondo di merda vaffanculo» e ancora «Giovannì non doveva finire così, risposa in pace».

©Riproduzione riservata