Extracomunitari pretendono documenti e minacciano proprietaria albergo che li ospita: 35 nei guai

Trentacinque ragazzi extracomunitari sono finiti nei guai sabato pomeriggio. I carabinieri della compagnia di Eboli, diretti dal capitano Alessandro Cisternino, sono intervenuti all’hotel Mary, vicino l’uscita di Campagna dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria. I profughi, rifugiati politici, hanno inscenato una rivolta: «Vogliamo le carte di identità». Poi hanno accrchiato e minacciato la proprietaria dell’albergo che li ospita: «Caccia i documenti se no di qui non te ne vai». La donna, impaurita, ha chiamato il 112. Le forze dell’ordine sono arrivate sul posto, hanno fermato i responsabili, li hanno identificati ad uno ad uno e denunciati alla procura della Repubblica del tribunale di Salerno. La proprietaria dell’albergo non ha i documenti. Non spetta a lei fornire le carte d’identità ai ragazzi provenienti dal Bangladesh. La donna è stata minacciata ed è rimasta chiusa in auto per più di trenta minuti. I trentacinque sono stati denunciati per concorso in violenza privata. 

©Riproduzione riservata