Capaccio, la famiglia del bagnino-eroe:«Mamma e ragazzine soccorse da mio figlio non nascondetevi»

Infante viaggi

E’ diventato il simbolo del coraggio, l’emblema del «senso di dovere»: Pierluigi Caroccia è in coma farmacologico, dopo aver salvato due bambine sulla spiaggia di Capaccio nello specchio d’acqua antistante il lido Laura. E’ successo pochi giorni fa, il 27 giugno, Pierluigi è stato salvato a sua volta da due colleghi che hanno provveduto ai primi soccorsi. E’ stato trasportato d’urgenza all’ospedale e i medici hanno detto che «ha ingerito sabbia e tanta acqua marina». Le due bambine salvate e la madre, hanno fatto perdere immediatamente le proprie tracce.

Il legale della famiglia Caroccia, l’avvocato Riccardo Ruocco, ha raggiunto i mezzi di comunicazione tramite comunicato stampa per diffondere il pensiero ed il momento di dolore che sta vivendo la famiglia di Pierluigi dopo il tragico episodio.

«La famiglia Carroccia preferisce – per lo meno in questa fase – evitare ogni dichiarazione ed ogni ipotesi di responsabilita’ atteso che in questo momento l’ unica  priorità è Pierluigi e le sue condizioni di salute. Tuttavia, la famiglia Caroccia ripone massima fiducia nelle autorità investigative che si stanno occupando  del caso. I familiari di Pierluigi, avvertono inoltre la necessità di ringraziare le centinaia di persone che in questi giorni di  profonda apprensione stanno dimostrando, in  tante maniere,  solidarieta, affetto  e vicinanza  e  di esprimere sincera gratitudine ai bagnini che hanno assicurato i primi fondamentali soccorsi nonche’ al  personale  sanitario tutto  del reparto di terapia intensiva e rianimazione dell’ ospedale di agropoli per l’impegno e la professionalità profuse sino ad oggi».

  • Vea ricambi Bellizzi

Infine l’appello dei familiari affinchè la mamma e le due ragazzine soccorse da Pierluigi si facciano vive:«Non abbiate timore- si legge sulla nota -uscite tranquillamente allo scoperto,  se Pierluigi, per un innato senso di responsabilità ed un altruismo fuori dal comune, in quel momento non  ha esitato a prestare soccorso alle  due nuotanti in difficoltà, oggi, per il profondo  rispetto di  quei valori, nessuno della famiglia Caroccia serba rancore o medita vendetta nei confronti delle ragazzine scampate al pericolo».

©Riproduzione riservata

Articoli correlati:

  • Lido La Torre Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido Urlamare Palinuro
  • assicurazioni assitur