Programmatore di Ogliastro Cilento lancia videogame: ecco la storia di Maurizio

Sventola alta la bandiera del Cilento in Toscana grazie a Maurizio Amoroso, ideatore e programmatore del gioco «prosperity – Italy 1434», un videogame da scaricare come applicazione per cellulare. Maurizio ha 42 anni ed è originario di Ogliastro. Cresciuto nel Cilento fino all’età di 27 anni, decide poi di spostarsi, come tanti, verso il nord alla ricerca di un futuro migliore. Così, arriva in Toscana, a Firenze.  

Dopo essersi insediato, Maurizio inizia a guardarsi attorno, scruta il territorio collinare toscano, rubandone i segreti con gli occhi e cercando di capire in che modo tutto ciò potesse conciliarsi ai suoi sogni di sempre. Attraverso la ricerca di personale qualificato e idoneo al progetto, riesce a mettere insieme un team di esperti che, nel gennaio del 2014, fonda assieme a Maurizio la «Entertainment Game Apps, inc».

Questa società si occupa dell’ideazione, della programmazione e della diffusione di videogiochi per smartphone e computer. Lo scorso gennaio 2015, è stato reso disponibile su tutti gli store di app il gioco «prosperity – Italy 1434». Prosperity vuole rilanciare l’immagine dell’Italia, ripartendo da un momento storico in cui il nostro paese era al centro di tutte le rotte commerciali e dei più importanti esempi di movimenti politici del periodo. Prosperity si distingue per la presenza, all’interno del gioco, di contenuti informativi riguardanti sia gli stabili come castelli, torri e fortezze sia le città e i vari comuni presenti sulla mappa. Cliccando sui vari elementi, infatti, è possibile leggerne brevemente la storia e viene presentata la possibilità di collegarsi al sito reale del comune in questione.

«I giovani – afferma Maurizio Amoroso –  devono imparare ad amare quello che hanno intorno e a trattarlo come la cosa più bella che ci sia per poterne far uscire delle opportunità di crescita». Nonostante i successi e le soddisfazioni che il suo lavoro gli sta regalando, non dimentica quel pezzo di cuore lasciato a casa, nella sua Ogliastro, a cui volge lo sguardo, desiderando di incrociare quello della sua terra madre la quale, vedendo uno dei suoi figli diventare grande, orgogliosa sorride.

©Riproduzione riservata