Agropoli attende il commissariato della polizia di Stato

Infante viaggi

di Antonio Vuolo

Agropoli attende il Commissariato della Polizia di Stato. Un iter che va avanti da tempo, ma che non riesce a giungere a compimento. «Agropoli è da tempo destinataria di sede di Commissariato di Polizia, non a caso. Innanzi tutto vi è una completa assenza di un commissariato di pubblica sicurezza in tutto l’ambito del circondario del Tribunale di Vallo della Lucania, e già di per se basterebbe come motivazione – spiega il consigliere di minoranza agropolese, Consolato Natalino Caccamo – Vi sono poi motivazioni specifiche su Agropoli, essendo il comprensorio maggiormente urbanizzato e dunque più soggetto a problematiche di allarme sociale e necessità oggettive. In particolare mi riferisco ai rincorrenti fatti di cronaca, e alle infiltrazioni anche di carattere mafioso nel nostro territorio». Il problema ruota tutto intorno all’individuazione della sede che dovrebbe poi ospitare i militari.

  • assicurazioni assitur

«Noi a suo tempo facemmo già la nostra proposta, ovvero quella di utilizzare la vecchia palazzina seda della Polfer, nei pressi della stazione ferroviaria – aggiunge Caccamo – Oggi aggiungo di valutare in concreto l’utilizzo anche significativo di beni confiscati alla criminalità o anche la sede attuale dell’Agropoli Cilento Servizi, che potrebbe essere ricollocata in sedi anche periferiche data la necessità di avere una più idonea sede operativa». Quindi, conclude: «Il cerino è nelle mani del Sindaco e della sua giunta, che da tempo immemore sollecitiamo, sperando che siano più solerti in questa battaglia per la maggiore sicurezza della nostra comunità di Agropoli e dell’intero comprensorio già martoriati per lo scippo insanabile dell’Ospedale». Da Palazzo di Città, intanto, assicurano che l’iter prosegue e che potrebbero esserci anche «un presidio nuovo per i carabinieri».

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur