Ambiente, 50mila alunni coinvolti in campagna sensibilizzazione

0
83
50mila studenti in Italia “salvano” l'ambiente

Con 800 istituti scolastici e quasi 55mila alunni coinvolti in tutta Italia, è stata un successo la campagna nazionale di sensibilizzazione ambientale realizzata nel corso del 2018 dal Corpo delle capitanerie di porto – Guardia Costiera. Presentando i risultati nella sede del ministero dell’Ambiente, il comandante generale del Corpo, Giovanni Pettorino, ha spiegato: «La tutela dell’ambiente marino è uno dei compiti principali che la Guardia Costiera svolge alle dirette dipendenze del ministero dell’Ambiente e questa campagna è stata estremamente importante perchè ha coinvolto oltre 50mila alunni e impegnato 1900 militari del Corpo che hanno svolto più di 700 conferenze in oltre 800 istituti scolastici. Si tratta di un passo importantissimo perchè portare la cultura del mare nelle giovani generazioni e’ un aiuto che diamo a noi tutti per un futuro migliore, per far sì che ci sia un ambiente non inquinato, necessario per vivere meglio. E’ una campagna estremamente importante che ci auguriamo possa diventare un appuntamento consolidato».

Alla presentazione hanno partecipato anche i ministri dell’Ambiente, Sergio Costa, e dell’Istruzione, Marco Bussetti. «Con questa campagna – ha sottolineato Costa – il personale della Guardia Costiera ha profuso uno straordinario impegno nell’educazione ambientale, comunicando alle nuove generazioni l’importanza di quanto sia necessario prendersi cura oggi di quella risorsa preziosa che è l’ambiente. Il nostro obiettivo rimane quello di rafforzare l’educazione ambientale nelle scuole, come abbiamo iniziato a fare grazie a un Protocollo siglato con il Miur. I risultati raggiunti dalla campagna 2018 – ha concluso il ministro – sono stati estremamente positivi e nel 2019 andremo oltre, ripetendo quanto fatto l’anno scorso, ma con il progetto ‘plastic free’ che sarà il principale oggetto degli incontri per salvaguardare il mare».

Bussetti ha da parte sua osservato: «Attraverso azioni come questa sviluppiamo nei nostri ragazzi competenze di cittadinanza attiva utili per il loro presente e il loro futuro. Con questa campagna i ragazzi si sono potuti interrogare su questioni come il rispetto e la tutela dell’ambiente e della biodiversità, hanno potuto analizzare nel dettaglio gli effetti dell’inquinamento e acquisire allo stesso tempo comportamenti virtuosi. E, aspetto non secondario, hanno potuto conoscere professioni legate al mare. Magari qualcuno di loro si sarà appassionato e avrà deciso di farne il mestiere del proprio futuro. Credo, quindi, che dobbiamo essere molto soddisfatti del nostro impegno perchè ha prodotto risultati significativi». Con la campagna, gli studenti hanno avuto l’opportunità di visitare le aree marine protette, le sedi degli enti gestori e delle Autorità marittime. Nel corso della presentazione si è anche svolta la premiazione dei vincitori del concorso ‘Ausiliario Guardia Costiera’, che quest’anno e’ stato vinto dagli istituti comprensivi ‘Posatora Piano Archi’ di Ancona e ‘S. Satta-Spano-De Amicis’ di Cagliari e dal liceo scientifico ‘Francesco Severi’ di Castellammare di Stabia. I ragazzi premiati, oltre a ricevere una borraccia di alluminio per essere ‘plastic free’ nelle loro scuole, partiranno in primavera per un viaggio d’istruzione in alcuni parchi e aree marine protette: Cinque Terre, Arcipelago de La Maddalena, Cilento Vallo di Diano e Alburni. Al concorso, che prevedeva la realizzazione di un elaborato sull’approfondimento nel proprio territorio di uno dei tre temi principali trattati (tutela dell’ambiente marino-costiero, fonti di inquinamento marino e buone pratiche, aree marine protette come strumento di tutela ambientale), hanno partecipato oltre 90 scuole, per un totale di circa 1700 alunni.

©Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here