A Velia c’è una Casa Degli Affreschi

di Giuseppe Galato

Velia, così come Paestum, rappresenta uno dei più importanti ponti con il passato per il Cilento.

Conosciuta anche come Elea, Velia è un’antica città della Magna Grecia fondata dai Focei nel 545 a.C..

Tra i fondatori della colonia figurava anche il filosofo Senofane, capostipite della futura Scuola Eleatica resa poi famosa da personaggi come Parmenide e Zenone (ricordiamo i vari paradossi sul movimento come il "Paradosso di Achille e la tartaruga").

In occasione della XII Settimana Della Cultura la Soprintendenza di Salerno ha presentato al pubblico il complesso residenziale di età ellenistico–romana denominato "Casa degli affreschi" costituito da 34 ambienti, organizzati intorno ad un atrio, delimitati ad est da una strada romana pavimentata con blocchi di calcare.

Il nome del complesso è dovuto al ritrovamento di un ricco repertorio decorativo riconducibile al Terzo Stile pompeiano che caratterizza alcuni ambienti relativi alla fase della prima età imperiale.

Sarà inoltre possibile vedere la ricomposizione quasi completa di un affresco di figura virile e la ricostruzione virtuale dell’ambiente affrescato.

 

Paradosso di Achille e la tartaruga

Achille, simbolo di rapidità, deve raggiungere la tartaruga, simbolo di lentezza. Achille corre dieci volte più svelto della tartaruga e le concede dieci metri di vantaggio. Achille corre quei dieci metri e la tartaruga percorre un metro; Achille percorre quel metro, la tartaruga percorre un decimetro; Achille percorre quel decimetro, la tartaruga percorre un centimetro; Achille percorre quel centimetro, la tartaruga percorre un millimetro; Achille percorre quel millimetro, la tartaruga percorre un decimo di millimetro, e così via all’infinito; di modo che Achille può correre per sempre senza raggiungerla.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019