Attrezzi da pesca illegali: sequestri a Sapri e a Scario

La guardia costiera di Palinuro, agli ordini del tenente di vascello Francesca Federica Del Re, ha svolto alcune attività in mare dopo i controlli nelle pescherie del Cilento. L’attività in mare ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di nasse posizionate da ignoti a Scario. Queste erano prive dei necessari elementi di identificazione e segnalate con una semplice bottiglia di plastica. Episodio simile nello specchio acque antistante Sapri, dove è stato scoperto un palangaro di circa 10 chilometri di lunghezza privo dei segnalamenti marittimi previsti e della marcatura di identificazione. Pure in questo caso è scattato il sequestro. L’attività del personale delle capitanerie di porto per reprimere gli illeciti connessi alle norme sulla commercializzazione o detenzione di prodotti ittici con particolare riferimento alla tracciabilità proseguirà anche nelle prossime settimane.

©Riproduzione riservata