Autovelox «illegittimo» sulla Cilentana, 40mila ricorsi: pronto il dossier per il prefetto

Botte e risposte. Carte, plichi e plichi di documenti. Fotografie, video, interviste, articoli di giornale e altro ancora. Attorno all’autovelox installato l’estate scorsa lungo la Cilentana tra gli svincoli di Agropoli nord e Agropoli sud dall’amministrazione Alfieri, si è scatenato un vero e proprio caso. Sono fioccato migliaia di multe e con esse altrettante polemiche e proteste da parte di automobilisti infuriati. Secondo alcuni l’autovelox risulterebbe «irregolare». Altri, invece, lo definiscono «una macchina per fare cassa». La situazione è stata impugnata dalle associazioni ‘Noi consumatori – movimento antiEquitalia’ di Castellabate e ‘Camelot’ di Agropoli. Sono proprio i membri di queste associazioni che hanno raccolto nel dossier «elementi probatori concreti circa le contestazioni sull’autovelox installato tra gli svincoli di Agropoli nord ed Agropoli sud». Il viceprefetto ha comunicato alle associazioni intervenute che già aveva provveduto a convocare la polizia municipale di Agropoli per avere dalla stessa gli opportuni chiarimenti. «Il dossier – spiegano gli avvocati Giuseppe Russo e Giovanni Basile al quotidiano ‘Il Mattino’ – sarà un motivo in più per tali opportuni chiarimenti. Abbiamo comunicato al viceprefetto che si paventa la possibilità di inoltrare circa 40 mila ricorsi alla Prefettura. Il dettagliato documento è destinato ad essere incrementato nei prossimi giorni, da altri importanti documentazioni».

©Riproduzione riservata