• Home
  • Cronaca
  • Bandiere blu, Sapridemocratica attacca Gentile: «Paghiamo il prezzo dell’incapacità di chi amministra»

Bandiere blu, Sapridemocratica attacca Gentile: «Paghiamo il prezzo dell’incapacità di chi amministra»

di Maria Emilia Cobucci

Sapridemocratica attacca il sindaco di Sapri, Antonio Gentile, sulla mancata assegnazione della Bandiera blu 2022 alla città della Spigolatrice. Lo fa con una nota nella quale sottolinea anche le parole usate dal primo cittadino nel 2016, quando alla guida della città c’era Sapridemocratica.

«La bocciatura della FEE Italia con la mancata assegnazione della Bandiera Blu 2022 è un durissimo colpo che ferisce l’immagine turistica della nostra città. Sono devastanti gli effetti sulla stagione estiva per gli operatori economici già duramente provati dalla crisi. Non servono inutili e infantili polemiche dobbiamo stare tutti dalla stessa parte nel difendere la nostra città. Siamo certi della qualità del nostro mare, come siamo certi che i divieti sono solo frutto di evitabili errori e dell’inettitudine nella gestione delle problematiche complesse, ma soprattutto dell’assoluta assenza di una politica ambientale e del turismo. Paghiamo solo un prezzo altissimo per l’incapacità di chi governa confermata, se fosse ancora necessario, anche dalle dichiarazioni ridicole rilasciate in conferenza stampa nel tentativo di giustificare l’ingiustificabile “dal 2018 al 2021 abbiamo avuto cinque divieti di balneazione e la classificazione come scarsa della spiaggia del lungomare”. – dice Sapridemocratica – Oggi avremmo potuto speculare usando le stesse parole di Gentile del 2016 “Il vessillo blu, diventato nero, è senza ombra di dubbio l’emblema di una città alla deriva. Dopo le tristi e fumose vicende legate all’alta velocità….ecco l’ennesimo segnale di una città oramai abbandonata a sé stessa e alle narcisistiche esternazioni di un’amministrazione incapace e distratta. La città è esausta e meriterebbe un definitivo segnale di dignità: le vostre dimissioni”…. – e aggiunge – Ma noi siamo persone serie e responsabili, con un profondo amore per la nostra città che ci impone di evitare la tentazione di sciacallaggio, e ci obbliga a difende l’immagine di Sapri e del suo mare pulito».

I consiglieri comunali di SapriDemocratica fanno sapere che invieranno una nota alla FEE Italia per chiedere una ulteriore verifica sulle valutazioni della commissione, «con l’auspicio di rivedere sventolare presto sul nostro lungomare la Bandiera Blu».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Maria Emilia Cobucci

Giornalista per scelta ma anche per passione. Da sempre. Testarda e determinata come ogni cilentana che si rispetti. Amo raccontare il mio territorio, ricco di bellezze ma anche di tante storie che tutti dovrebbero conoscere.
Tutti gli articoli di Maria Emilia Cobucci

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019