• Home
  • Cronaca
  • Bulgheria, sentiero “le scalette” intitolato a Alberico Cusatis

Bulgheria, sentiero “le scalette” intitolato a Alberico Cusatis

di Marianna Vallone

Porterà il suo nome il sentiero “le scalette” che conduce al Rifugio Tozzo del Moio, sul Massiccio del Bulgheria. Escursionista esperto, appassionato di ciclismo e natura, Alberico Cusatis sarà così sempre nel cuore di chi percorrerà gli oltre 1000 scalini affacciati sulla Valle del Mingardo. Scomparso a giugno dopo aver lottato contro un brutto male, il giovane di Acquavena, continua a ricevere omaggi e ricordi. Sabato scorso, alla presenza della famiglia, è stata scoperta la targa con l’intitolazione del sentiero che conduce al rifugio. Quello che Alberico aveva percorso infinite volte durante le sue camminate. Un sentiero sulla montagna dove tornava spesso, anche da solo, un sentiero che aveva nel cuore.

Un’iniziativa organizzata dall’associazione Massiccio del Bulgheria a cui ha aderito il Comune di Roccagloriosa. «Per noi è stato quasi scontato pensare di intitolarlo proprio a lui», spiegano i soci dell’associazione, a cui Alberico aveva aderito con entusiasmo e partecipazione, diventandone tesoriere. «Il Sindaco di Roccagloriosa, e nostro socio, Pino Balbi non ha esitato un attimo ad accettare con calore e partecipazione la nostra proposta. Ma l’intitolazione di questo sentiero ad Alberico assume anche un altro significato. I sentieri sono luoghi dell’anima. – spiegano nel lungo post su facebook – Luoghi dove si fanno incontri speciali, dove si incontrano persone vere come Alberico e come tutte le altre persone del gruppo del Massiccio che ormai sta diventando sempre di più una grande famiglia e quindi la giornata di oggi vuole essere anche una sorta di ringraziamento ai sentieri ed alla natura per aver propiziato questi incontri che per tutti noi sono fonte di arricchimento umano e personale. Alberico deriva dal nome germanico “Alberich”, “signore degli elfi”, dove gli elfi sono personaggi benigni della mitologia nordica che impersonano le forze della natura, i boschi e le montagne. E allora ci piace pensare che quando percorreremo questo sentiero non saremo mai soli, ma ci sarà sempre a farci compagnia ed a proteggerci il nostro amico elfo Alberico».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019