Camerota, incendio devasta abitazione: 4 feriti, una è grave

0
17

Sono passate da poco le 17.00 in via Ciro Coppola 14, a Marina di Camerota, quando le urla di quattro persone disperate hanno allertato tutto il vicinato. Dalla vicina piazza San Domenico sono accorsi i commercianti e i turisti. Un giovane imprenditore ha afferrato due estintori dalla sua attività e con l’aiuto di altre tre persone ha fatto irruzione nell’abitazione e ha salvato i quattro. 

Secondo la ricostruzione dei vigili del fuoco del distaccamento di Policastro Bussentino, giunti immediatamente sul posto insieme ai carabinieri della stazione di Marina di Camerota, un corto circuito ha scatenato un rogo che ha avvolto il divano nella cucina soggiorno per poi inghiottire tutto il pian terreno dell’appartamento. All’interno c’era la proprietaria con il figlio, la nuora e una nipote. Sono rimasti tutti e quattro feriti.

G.D.A., 87 anni, è stata tirata fuori insieme al figlio, L.M. di 62 anni. e alla nipote, G.M., 36 anni figlia di L.M.. Tutti e tre sono stati trasportati in ambulanza al San Luca di Vallo della Lucania. La peggio è toccata a R.C., 56 anni, nuora della proprietaria e moglie di L.M.. La donna è stata trasportata in ambulanza presso l’eliporto di Camerota capoluogo. Da lì un’eliambulanza l’ha accompagnata al Centro Grandi Ustioni dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Le sue condizioni sono gravi. I feriti sono tutti residenti a Camerota.

Intanto sul posto le forze dell’ordine guidate dal comandante Francesco Carelli e i pompieri coordinati dal caposquadra Aldo Santoro e dal caporeparto Giovanni Sanzone, sono impegnati a ricostruire la dinamica esatta dell’incidente. Le cause – con molta probabilità – sono da ricercare nell’impianto elettrico vecchio e usurato. Sul posto è giunto anche il comando della Polizia Locale, agli ordini del sovrintendente Giovanni Cammarano, e il sindaco di Camerota, Mario Salvatore Scarpitta, accompagnato da buona parte dell’amministrazione comunale. «Una tragedia che ha sconvolto tutta la comunità – ha commentato a caldo il sindaco – sono ancora sotto shock. Devo però sottolineare il grande lavoro della macchina organizzativa. Il paese si è unito e si è stretto attorno a questa sfortunata famiglia».

©Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here