• Home
  • Cronaca
  • Caro bollette, scoppia la protesta dei commercianti: «Spegniamo le luci. Si rischia guerra civile»

Caro bollette, scoppia la protesta dei commercianti: «Spegniamo le luci. Si rischia guerra civile»

di Luigi Martino

Gli artigiani, i commercianti e le aziende dell’intera provincia di Salerno si uniscono per far sentire forte e determinata la voce di tutti gli operatori che stanno soffrendo in maniera devastante per le proprie attività i rincari dell’energia elettrice e del gas che, in più, si aggiungono a quelli per l’approvvigionamento delle materie prime.

Panificatori, macellai, pasticcieri, bar, ristoratori, supermercati, commercianti e negozianti tutti nonché produttori ed imprese impegnate in svariate categorie merceologiche sono sull’orlo di un collasso che produrrà conseguenze non solo economiche e finanziarie per le loro attività ma anche ripercussioni sui posti di lavoro nonché a sfavore dei cittadini-consumatori.

Non è possibile più restare inerti in attesa che i fatti producano la morte di centinaia di attività bruciando letteralmente i sacrifici di tante donne e uomini che hanno sudato amaramente e versato sangue e risorse per portare avanti progetti economici e di vita ora in serio pericolo di chiusura.

Il grido di dolore pressante che si eleva anche a nome di tutti i cittadini dell’intera provincia salernitana, confidando nella benevolenza di stampa e tv perché lo facciano sentire a tutti, si concretizzerà in due iniziative e manifestazioni sì simboliche ma che dovranno produrre un cambio di passo tangibile da parte delle Istituzioni affinché diano respiro vero e sollievo a chi produce prima e a chi consuma poi.

Da lunedì 19 settembre, pertanto, e per l’intera settimana sino a sabato 24 settembre, dalle ore 19:00 alle ore 20:30, gli artigiani e i commercianti spegneranno le luci nei propri negozi e sui luoghi di produzione e lavoro ed accenderanno lumini.

Giovedì 22 settembre, inoltre, si raduneranno coi propri mezzi aziendali presso il parcheggio dello Stadio Arechi ed in corteo sfileranno sino a Piazza Amendola dove chiederanno di incontrare il Sig. Prefetto per esprimere pacificamente il grave malessere che coinvolge artigiani, commercianti, produttori e aziende tutte e chiedere che si faccia portavoce presso il Governo centrale dell’urgente richiesta di un intervento che almeno attenui e fermi l’emorragia di risorse che inevitabilmente porteranno allo spegnimento non più simbolico delle luci in centinaia di negozi e luoghi di produzione.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019