• Home
  • Cultura
  • De Gregori, il concerto e il mistero del suo rinvio

De Gregori, il concerto e il mistero del suo rinvio

di Giuseppe Galato

Lo spazio antistante il palco è gremito di persone. Sono le 21:00 e tra mezz’ora dovrebbe salire sul palco l’artista romano che dagli anni ’70 ha fatto furore, di generazione in generazione, conquistando schiere di fan.

Sale sul palco la presentatrice che, libera da qualsiasi tipo di dizione, dà il via alla serata.

Poche parole espresse dal sindaco Domenico Giordano ed inizia a piovigginare: ma i fan sono ancora sotto il palco, non demordono. Qualcuno apre un ombrello, altri imperterriti continuano a stare attaccati alle transenne nonostante l’acqua inizi a farsi sentire addosso.

Alle parole della presentatrice "Non può piovere proprio stasera" si scatena il nubifragio, ed il concerto è annullato, solo per essere rimandato al 27 prossimo.

Ma una cosa strana è accaduta oggi.

Secondo alcune fonti il sindaco Domenico Giordano sembra abbia dichiarato che l’esibizione è stata rimandata in segno di lutto per la morte dei militari italiani a Kabul: "Abbiamo voluto stringerci al dolore delle famiglie che hanno perduto in maniera tragica degli affetti così cari e importanti".

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019