Colpi di pistola contro una cagnolina: operata

281
Infante viaggi

Mentre si trovava sul tavolo operatorio per essere sterilizzata, i veterinari hanno fatto una macabra scoperta: in un padiglione auricolare era presente un piombino di un’arma ad aria compressa. La protagonista della terribile storia è una cagnolina salvata da alcuni volontari a Roccadaspide. «Non posso credere – dice il volontario a Voce di Strada – che ancora oggi possano esistere persone, concittadini, che hanno il coraggio di compiere questi atti crudeli e vigliacchi nei confronti di un cane di piccola taglia la cui unica colpa è quella di essere figlia di nessuno e l’unico fastidio che potrebbe arrecare è quello di cercare un po’ di cibo e qualche carezza. Dell’accaduto è stato informato anche il sindaco il quale avrebbe segnalato l’accaduto agli organi competenti. La brutalità della ignota ed ignobile mano che ha ferito la piccola cagnolina non può non può e non deve rappresentare la nostra comunità. Il cane è stato adottato da noi volontari e stiamo provvedendo alle cure post operatorie e successivamente alla solita prassi sanitaria».

  • Petrolfer srl
  • Scait consulenza alle imprese

©Riproduzione riservata

  • Assicurazioni Assitur
  • Petrolfer srl