De Luca arriva a Sapri, con Maldonato presenterà “La rivolta di Sapri”

1
391

L’occasione è la presentazione del libro di Franco Maldonato al cineteatro Ferrari di Sapri. Il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il prossimo 2 febbraio sarà nella cittadina della Spigolatrice per presentare il volume “La rivolta di Sapri” (Licosia editore) nella nuova edizione, che si arricchisce dell’introduzione di Giovanni Spadolini e della prefazione di Paolo Macry. De La Rivolta sono state già pubblicate due edizioni, nel 1985 e nel 1999. Narra la cronaca della sollevazione popolare degli anni ’70.

Il libro
Nel 1979, alla fine di luglio, Sapri è in rivolta. «Bloccata la ferrovia al Sud, l’Italia si ferma a Sapri»: con questo titolo a tutta pagina, il ventinove luglio, Eugenio Scalfari apre la prima di “Repubblica”. Mille persone si sono assiepate sui binari e in trecento distesi sul selciato della Tirrenica Inferiore. L’Italia è spezzata in due! Il Mezzogiorno, a quel tempo, è ancora percorso da fremiti rivoltosi, con la polizia che spara, morti e feriti sulle barricate, uccisioni di cittadini che avevano avuto il solo torto di affacciarsi alla finestra, municipi messi a ferro e fuoco, interruzioni di pubblici servizi e delle grandi vie di comunicazione: Avola, Battipaglia, Reggio Calabria, L’Aquila e Eboli sono il teatro di questi avvenimenti, tipici di altre stagioni della vita nazionale. E infine Sapri, dove l’ospedale dopo trent’anni non è finito. E si muore perché non c’è nemmeno un’autoambulanza o non ha benzina o non c’è l’autista.

Franco Maldonato

L’appuntamento
All’incontro, che si terrà alle 9:30 nel cineteatro in piazza Regina Elena a Sapri, vedrà gli interventi del sindaco di Sapri, Antonio Gentile, di Alfonso Conte, professore associato di Storia Contemporanea (al corso di laurea di Scienze Politiche all’Università degli Studi di Salerno), del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e dell’autore del libro, l’avvocato penalista e scrittore Franco Maldonato, già autore di Mezzogiorno nuovo e antico (2004), La staffetta (2007) e, con lo storico Alfonso Conte, Gioacchino Murat, Re di Napoli (2011). Nel 2015 ha pubblicato il romanzo storico Teste mozze (Rubbettino editore), che l’antropologo Marino Niola ha definito il Noi credevamo della letteratura.

Seguiranno le letture di Eugenio Bove. L’incontro sarà moderato dalla giornalista Caterina Guzzo. Alle 12:00 il presidente De Luca sarà in visita all’ospedale Immacolata di Sapri.

©Riproduzione riservata

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here