• Home
  • Attualità
  • De Luca: «In Campania mascherina anche con contagi quasi azzerati»

De Luca: «In Campania mascherina anche con contagi quasi azzerati»

di Luigi Martino

«Dati oggettivi alla mano, la Regione Campania ha retto meglio di ogni altra regione d’Italia». Parola di Vincenzo De Luca. Il governatore campano ha rivendicato i risultati ottenuti nel contrasto al Covid nel corso di un’assemblea pubblica di Confindustria Campania alla quale ha preso parte anche il numero uno di viale dell’Astronomia Carlo Bonomi. «I dati di cui tenere conto – ha spiegato De Luca – sono il livello di occupazione delle terapie intensive e il numero dei decessi. Su questi due parametri siamo la prima regione d’Italia. Dato confermato dal fatto che ci muoviamo nel contesto più difficile d’Italia per la nostra densità abitativa maggiore e il numero più basso di personale sanitario con 20 mila dipendenti in meno. Ciò nonostante il nostro personale sanitario ha svolto un lavoro eroico».

«Anche con meno vaccini di tutti – 230 mila in meno fino a una settimana fa, ha ricordato De Luca – siamo la prima regione d’Italia nella capacità di contrasto al Covid. Inoltre abbiamo deciso di rilanciare con un’azione autonoma il comparto turistico-alberghiero vaccinando le isole. Su questo andremo avanti a carrarmato. Unico comparto produttivo per il quale le decisioni andavano prese entro maggio per non far saltare la stagione turistica e partiremo in anticipo anche con l’industria del wedding. In tutto questo – ha aggiunto – la Campania nella seconda e terza fase non ha chiuso i reparti ordinari».

Per il futuro l’invito di De Luca è alla cautela: «Avanti con senso di responsabilità – ha sottolineato – sarei preoccupato se scattasse la logica della ricreazione: Dio non voglia che ci ritroviamo a settembre con la ripresa del contagio. Portare la mascherina – ha osservato – è un piccolo sacrificio, credo che dovremo portarla anche quando il contagio sarà quasi azzerato».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019