• Home
  • Cronaca
  • Ernia del disco, eccellenza all’ospedale di Sapri. Intervento con endoscopio, paziente a casa in 24 ore

Ernia del disco, eccellenza all’ospedale di Sapri. Intervento con endoscopio, paziente a casa in 24 ore

di Maria Emilia Cobucci

Ancora una volta l’ospedale “Immacolata” di Sapri si conferma un centro all’avanguardia per quanto attiene la terapia del dolore. Un nuovo e innovativo intervento di discectomia endoscopica è stato effettuato nei giorni scorsi presso il reparto di Terapia del dolore del nosocomio del Golfo di Policastro che da tempo ormai mette in campo nuove tecniche più specifiche e sempre meno invasive. Motivo per il quale il nosocomio dell'”Immacolata” risulta sempre di più punto di riferimento per molti pazienti dell’intero area Cilentana e non solo. Grazie alle tecniche utilizzate molti infatti sono i pazienti che arrivano anche da fuori regione per sottoporsi a determinati interventi che vengono effettuati in pochissimi centri campani e anche italiani.

Nello specifico l’ultima procedura interventistica messa a punto, discectomia endoscopica, riguarda la chirurgia vertebrale di tipo mininvasiva e permette di asportare ernie discali. L’obiettivo dell’intervento è liberale la radice nervosa dalla compressione esercitata dall’ernia e dunque fare scomparire il dolore. A sottoporsi all’intervento è stato un giovane proveniente da Roccagloriosa, paese dell’entroterra cilentano, che è stato dimesso la stessa sera dell’intervento.

Dunque si tratta di una tecnica che non solo permette una rapida ripresa ma abbatte anche i costi della degenza ospedaliera. «Il nostro presidio ospedaliero è sicuramente un fiore all’occhiello dell’ASL di Salerno”, ha dichiarato il medico anestesiste e rianimatore Emidio Cianciola, responsabile del reparto di Terapia del dolore dell’ospedale Immacolata di Sapri e autore dell’intervento di discectomia endoscopica. “In settimana abbiamo effettuato tale intervento – ha poi proseguito Cianciola – grazie al quale si rimuove l’ernia discale attraverso un endoscopio con un approccio di tipo transforaminale. È un intervento chirurgico effettuato in anestesia locale che permette una rapidissima ripresa del paziente». Per quanto riguarda la riuscita dell’intervento Cionciola si è detto molto soddisfatto. «Ci auguriamo che questa tipologia di interventi diventi la prassi – ha infine aggiunto – A tal proposito rivolgo i miei ringraziamenti al Direttore Sanitario Antonio Claudio Mondelli che con molta attenzione si rivolge alle novità che vengono proposte nel nostro presidio e all’intera equipe che quotidianamente mi supporta in questo lavoro».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Maria Emilia Cobucci

Giornalista per scelta ma anche per passione. Da sempre. Testarda e determinata come ogni cilentana che si rispetti. Amo raccontare il mio territorio, ricco di bellezze ma anche di tante storie che tutti dovrebbero conoscere.
Tutti gli articoli di Maria Emilia Cobucci

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019