28 Febbraio V giornata mondiale della lentezza

Si celebra oggi 28 Febbraio la V GIORNATA MONDIALE DELLA LENTEZZA, una manifestazione che nasce da un’idea della Onlus L’Arte del Vivere. E’ necessario imporsi lentezza per riflettere sui danni economici, ambientali, sociali e culturali del vivere a folle velocità. Ognuno di noi è chiamato a rallentare il suo pezzettino di mondo con le proprie idee ed il proprio entusiasmo. Chi vive nel Ci-LENTO, che ha insito nel nome tale aggettivo, conduce una vita che non costringe, in genere, a ritmi di grande velocità, ed il temperamento stesso del cilentano porta ad una sana lentezza che però è spesso criticata, contestata, con richiesta alternativa. Si tende quindi spesso a voler cambiare i ritmi per emulazione dei sistemi produttivi nordici, eppure è dimostrato che grave è lo stress che tale comportamento porta, con anche consequenziali danni del senso della vita. Accettiamo quindi questa indole, questo comportamento, che, senza esagerare sia d’esempio di un alternativo senso di vita!
La ricerca della “lentezza” sarà infatti l’insegnamento del futuro, quindi ancora una volta imitare comportamenti che si sono rivelati nocivi è assurdo.
In un mondo sempre più votato alla velocità ed alla complessità, rallentare a livello individuale è il primo passo per poter vivere meglio, superare le difficoltà, vincere la paura dell’incertezza, trovare soluzioni e recuperare la fiducia nel futuro, anche in momenti di grave crisi economica come quelli che stiamo vivendo. Il prossimo miracolo economico e sociale sarà frutto di mille piccole azioni di mille piccole persone che si moltiplicheranno all’infinito, nella nuova consapevolezza acquisita.
Ad Agropoli celebra la giornata l’Associazione “Occhi di Argo”, organizzando l’incontro “Creazione Lenta”, presso lo Studio d’Arte Keramos di Andrea ed Antonio Guida, durante il quale saranno pubblicamente lette le poesie di tutti gli autori che vorranno convenire.
Come simbolicamente esprime l’immagine dell’opera di D’Ambrosio, camminiamo lentamente, come lumaca, sulla fragile bolla della nostra vita, affinchè non svanisca velocemente!!