Fare Ambiente regala ossigeno e verde al Cilento

di Luigi Martino

Un momento della cerimonia
«È importante insegnare a proteggere gli alberi. Oggi più che mai – sottolinea Vincenzo Pepe, presidente nazionale e fondatore di Fare Ambiente – sono dei formidabili alleati che abbiamo nella lotta ai cambiamenti climatici».
Si apre così la Festa dell’albero 2018 dell’associazione ambientalista Fare Ambiente-Movimento Ecologista Europeo, in occasione della Giornata Nazionale dell’Albero. Le operazioni di piantumazione, come oggi è stato con la quercia piantata al Centro Visite di Trentova insieme al sindaco Adamo Coppola e il vicesindaco Elvira Serra, vogliono sensibilizzare i cittadini, partendo dai bambini che sono i cittadini del domani, alla difesa e valorizzazione del verde.
Si tratta di un’iniziativa, realizzata anche con il Comune di Agropoli, grazie alla quale ogni anno l’associazione ambientalista Fare Ambiente mette a dimora molti alberi su tutto il territorio nazionale, celebrando così il loro indispensabile contributo alla vita e il ruolo essenziale nel benessere del futuro. Ma non solo.
Un momento della cerimonia
«È sempre più forte l’allert sui continui cambiamenti climatici – dichiara Andrea Giuliano, delegato provinciale di Fare Ambiente -, gli impatti sono ormai evidenti, con rischi per le persone e problemi che in Campania sono resi ancor più drammatici dal dissesto idrogeologico, da scelte urbanistiche sbagliate e dall’abusivismo edilizio. È quindi indispensabile un cambio di approccio nelle politiche internazionali e nazionali ma prima ancora è importante raggiungere un maggior coinvolgimento dei cittadini, attraverso uno stile di vita ecosostenibile e a favore dell’ambiente, come nella lotta ai cambiamenti climatici». L’ultimo appuntamento è per il 26 novembre presso la scuola I.C. G.R.Vairo di Agropoli.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019