Gruppo imprese salernitane vince ‘Top of the pid’ alla Maker Faire European Edition

67
Infante viaggi

Intelligenza artificiale e big data analitycs a supporto del turismo esperienziale sostenibile del Cilento per la valorizzazione della Dieta Mediterranea intesa come stile di vita. È questo il progetto vincitore del premio nazionale Top of the pid presentato da un gruppo di 8 imprenditori di nuova generazione, che utilizzano le tecnologie e hanno studiato all’estero. Ma sono tornati perché capiscono che possono dare tanto al loro territorio: Francesco Esposito di Taro – Eccellenze Etiche, Carmen Caiazzo – Villaggio La Perla, Pietro Cerullo – CEC Hotels, Andrea Claudio Bifulco – Hotel Calanca, Amedeo Saggiomo – Camping Nessuno, Roberto Cavaliere – Agriturismo Il Principe di Vallescura, Lea Pinto – Marulivo Hotel, Sandro Legato – Eco Residence Villa Andrea. La vera innovazione è nella capacità di fare rete. Si sono conosciuti, infatti, nell’esperienza del Consorzio Cilento di Qualità.

Hanno fatto un periodo di studio e formazione su Big Data e su come gli strumenti di Intelligenza Artificiale possano essere di supporto alla destagionalizzazione del turismo ed alla promozione delle esperienze autentiche del territorio. Il tutto finalizzato alla realizzazione di una piattaforma di destinazione che attraverso big data attrae potenziali visitatori che non conoscono ancora il Cilento ma sono interessati ad attività ed esperienze che questo territorio può offrire e distribuisce le offerte su tutto l’anno favorendo la destagionalizzazione.

Il premio rappresenta un premio morale anche per la Camera di Commercio di Salerno che,
all’interno dei Punti di Impresa Digitale previsti dal Piano Nazionale Impresa 4.0 come emanazione
sui territorio a cura del sistema camerale, ha intuito che fosse necessario avviare una prototipazione
di un PID rispettoso delle caratteristiche degli attori del territorio e ha avviato un protocollo d’intesa
con l’Università Federico II° di Napoli per realizzare il programma PIDMed, affidandone la
direzione scientifica del prof. Alex Giordano, docente di Marketing e Trasformazione Digitale
presso il Dipartimento di Scienze Sociali di Napoli.
Il progetto PIDMed ha rappresentato un faro per tutto il Piano Nazionale, riscuotendo unanimi
consensi e seguendo oltre 100 progetti di trasformazione digitale per le micro e piccole e medie
imprese del territorio, dimostrando che è possibile fare innovazione anche al Sud e nelle aree
interne.

Il progetto dei giovani imprenditori cilentani è uno dei 6 progetti in chiave Impresa 4.0 presentati da
singole aziende, o loro reti, che hanno vinto il premio Top of the PID dei Punti Impresa Digitale
realizzati dalle Camere di commercio per diffondere la digitalizzazione.

Il progetto è stato realizzato supporto all’interno del protocollo d’intesa con l’Università Federico
II° di Napoli PIDMed ed ha goduto di un lungo lavoro di mentoring a cura dei giovani
facilitatori/mentor selezionati per il tirocinio intramoenia SOCIETING4.0 organizzato con il
Dipartimento di Scienze Sociali.

Fondamentale il supporto di CNA (Confederazione Nazionale Artigianato) che ha aiutato a mettere
in rete le imprese con il supporto di CNA HUB 4.0 di Caserta che ha seguito le imprese nella
realizzazione del progetto in collaborazione con l’azienda VIRALBEAT che, pur operando a livello
internazionale, ha una sua sede proprio a Salerno.

Il riconoscimento è stato consegnato oggi ai vincitori da Unioncamere nel corso del convegno “Impresa 4.0: tra innovazione e sostenibilità” alla Maker Faire, l’evento più importante d’Europa sull’innovazione tecnologica 4.0. I 6 progetti vincenti si sono distinti in una delle diverse categorie in gara: economia circolare; manifattura intelligente e avanzata; sociale; servizi-commercio- distribuzione; turismo; nuovi modelli di business 4.0.

  • Petrolfer srl
  • Scait consulenza alle imprese

Nello speciale “medagliere” 3 premi sono andati a progetti innovativi presentati da aziende del
Nord, due premi al Mezzogiorno e 1 al Centro. I vincitori sono stati selezionati da una short list di
200 su oltre 10.000 progetti realizzati in tutta Italia utilizzando i voucher per la digitalizzazione 4.0
messi a disposizione dalle camere di commercio all’interno del Piano Nazionale Impresa 4.0 del
MISE. Il Sud ha puntato sul green: il 10% dei progetti presentati dalle aziende del Mezzogiorno
hanno una forte valenza “verde”, contro il 5% del Nord e il 4% del Centro. Mentre il 52% delle
imprese del Nord si è focalizzato soprattutto su progetti di manifattura avanzata e nuovi modelli di
business.

“Quasi 3 imprese su 5 hanno appena avviato il cammino della digitalizzazione e solo 1 su 10 ha già
acquisito un’esperienza importante”. E’ quanto emerge dal test di maturità digitale svolto online da
14mila imprese attraverso la rete dei Punti impresa digitale. A sottolinearlo è il segretario generale
di Unioncamere, Giuseppe Tripoli, che aggiunge “ i progetti innovativi che abbiamo premiato oggi
sono il segno però che già tanti altri imprenditori sono pronti a trasformare la propria azienda in
un’Impresa 4.0, anche grazie ai servizi offerti dalla rete camerale a cui si sono rivolte oltre 70mila
realtà produttive”.

“Il concetto industry 4.0 è stata utilizzata per la prima volta in Germania, per un progetto votato allo
sviluppo del settore manifatturiero tedesco. Parliamo dunque di una realtà ben lontana da quella
italiana, il cui tessuto imprenditoriale è costituito per lo più da piccole imprese che necessitano di
approcci e soluzioni diverse e rispettose delle singole peculiarità di ciascun comparto – afferma
Andrea Prete Presidente della Camera di Commercio di Salerno e Vicepresidente Vicario di
Unioncamere – Per questo siamo stati la prima Camera di Commercio che ha attivato una
collaborazione con l’Università Federico II° di Napoli avviando un percorso di avvicinamento alle
micro/piccole/medie imprese del territorio. In questo modo, mettendo le esigenze delle imprese al
centro, stiamo sviluppando un modello autoctono di innovazione che sia capace
contemporaneamente sia di sostenere i giacimenti di valore che storicamente le nostre imprese
hanno costruito, così come nel caso del gruppo di imprese vincitrici di questo prestigioso

premio, sia di favorire la nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative. In questa direzione
oltre a misure finanziarie la CCIAA con il progetto PIDMEd e sotto la direzione scientifica del prof
Alex Giordano sta promuovendo una miriade di attività gratuite per gli imprenditori salernitani in
termini di consulenza, formazione e conoscenza”.

I numeri dei Pid
Oltre 70mila sono gli imprenditori che hanno fruito dei servizi dei Punti impresa digitale: più di 47mila hanno partecipato a corsi e agli eventi (in)formativi tematici organizzati dai Pid presenti in tutta Italia; oltre 14mila imprese hanno misurato la propria maturità digitale con il test di autovalutazione SELFI4.0, disponibile su www.puntoimpresadigitale.camcom.it ; circa 2.000 imprenditori hanno effettuato un assessment approfondito condotto dai Digital Promoter all’interno del network; oltre 10.000 aziende hanno avuto accesso ai quasi 60 milioni di euro erogati attraverso voucher dai Pid per acquistare servizi di consulenza e formazione 4.0.

La fotografia scattata attraverso il test SELFI4.0 sulla maturità digitale delle nostre imprese ci dice che: il 9% è Esordiente, perché legato ad una gestione tradizionale dell’informazione e dei processi; il 49% è Apprendista, utilizza cioè strumenti digitali “di base”; il 32% è Specialista con una buona parte di digitalizzazione dei processi; il 7% è Esperto poiché applica con successo i principi dell’Impresa 4.0; solo il 3% è un Campione con una buona digitalizzazione dei processi e ricorso a tecnologie 4.0.

©Riproduzione riservata

  • Assicurazioni Assitur
  • Petrolfer srl