Il M5S risponde a De Luca su esposto ‘anonimo’: «Portava in calce le firme dei consiglieri regionali»

«Voglio rassicurare il presidente De Luca che l’esposto che il Movimento 5 Stelle ha presentato alla Procura di Napoli non era anonimo ma portava in calce le firme dei consiglieri regionali del M5S». E’ la risposta a stretto giro di posta della consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino in merito all’intervento settimanale di De Luca a ‘LiraTv’ dove ha parlato di lettere anonime e ‘farabuttismo’ giornalistico. «L’iscrizione del presidente De Luca nel registro degli indagati da parte delle Procura di Napoli per istigazione al voto di scambio – sottolinea – sia la conseguenza naturale e diretta delle azioni del Presidente della Regione, notoriamente incompatibili con il ruolo istituzionale che ricopre. Responsabilmente abbiamo fatto il nostro dovere prima di tutto come cittadini e poi di portavoce dei cittadini nelle istituzioni – continua Ciarambino – segnalando la vicenda alla Procura e adesso sappiamo che in tutta serenità i magistrati faranno il loro lavoro e accerteranno, come sempre, la verità. Comprendiamo che De Luca sia molto amareggiato e incollerito – conclude Ciarambino – ma definire il giornalismo non gradito ‘farabuttismo’ e il lavoro dei giornali non amici ‘campagna di aggressione mirata, scientifica’ ci sembra inquietante e allarmante. Esprimiamo solidarietà ai giornalisti e ai giornali liberi che inseguono solo la verità dei fatti».