Legge Basaglia: cosa è cambiato 43 anni dopo

di Luigi Martino

di Giuseppe Amorelli – Avvocato

Gli anni 70 furono caratterizzati non solo per il terrorismo, gli anni di piombo, ma anche e soprattutto come la stagione dell’affermazione dei diritti civili. Il 13 maggio 1978, infatti, entrava in vigore la “Legge Basaglia” la n° 187/78. Prima della Legge 180/1978 i malati con disturbi psichici erano considerati irrecuperabili e pericolosi socialmente, pertanto venivano allontanati dalla società, emarginati e rinchiusi nei manicomi. Il primo successo della Legge 180 risiede nella chiusura dei manicomi che ha permesso di restituire dignità e valore ai malati in essi reclusi. Ecco dunque il secondo significato fondamentale della legge Basaglia: centralità della persona. Il significato della legge è dunque direttamente legato a quanto sopra: dare dignità ai malati psichici ha contribuito a riconoscerli come persona a tutti gli effetti. In quanto persone, il riconoscimento dei loro diritti è stata una conquista di civiltà.

Tale considerazione ha determinato la fine dei metodi custodialistici, riconoscendo invece la necessità di una presa in carico della personaLa follia è una condizione umana. In noi la follia esiste ed è presente come lo è la ragione. Il problema è che la società, per dirsi civile, dovrebbe accettare tanto la ragione quanto la follia, invece incarica una scienza, la psichiatria, di tradurre la follia in malattia allo scopo di eliminarla. Il manicomio ha qui la sua ragion d’essere.“ Franco Basaglia, da Che cos’é la Psichiatria,1967. La rivoluzione che Franco Basaglia, promotore della legge che prese il suo nome, apportò, fu quella di chiudere i manicomi in quanto “i malati di mente” sono, appunto, persone malate che hanno bisogno di essere curate. Dare dignità ai malati psichici e a riconoscerli come persona a tutti gli effetti. Non si tratta di “cose” da rinchiudere, da sedare o da legare, ma di persone fragili che hanno bisogno che qualcuno li aiuti a ristabilire l’ordine delle cose restituendo coraggio a chi ha perso il filo della propria esistenza. Bellissimi ed intensi i versi di Alda Merini che dedicò a Franco Basaglia: “Come eravamo innamorati, noi, laggiù nei manicomi / quando speravamo un giorno di tornare a fiorire / ma la cosa più inaudita, credi, è stato quando abbiamo scoperto che non eravamo mai stati malati”.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019