• Home
  • Attualità
  • Nel Cilento CiPassi e ci resti: il sandalo che racconta la costa del Parco

Nel Cilento CiPassi e ci resti: il sandalo che racconta la costa del Parco

di Luigi Martino

Un sandalo fatto a mano a #Cip, Caselle in Pittari, che racconta la costiera Cilentana e i passi per percorrerla. Un percorso che racconta alcune delle località emblematiche della costiera Cilentana, per forza di cose non tutte, insieme a queste ce ne sono tante altre ugualmente belle e importanti e da visitare.

Un po’ come una mappa questo sandalo, nato dalla collaborazione del team di artigiani del senso Scritte.blog e quelli di Mastrodomenico Sandali, è realizzato con una lunga incisione che percorre tutta la soletta di cuoio sulla quale abbiamo disegnato la nostra la costa del Cilento.

La storia che cammina, in questo caso, è quella di un territorio con una costa di straordinaria bellezza nella quale però, è necessario passare anche partendo dall’entroterra e magari tornandovi o restandovi. Proprio come recita il titolo che abbiamo scelto. Nel Cilento CiPassi e ci puoi anche restare.

Questa storia che cammina vuole anche stimolare passi di bellezza e di consapevolezza, la consapevolezza di artigiani che lavorano in queste terre e che con il loro lavoro creano manufatti che raccontano le identità di questo angolo di mondo.

Questo sandalo è anche un piccolo manifesto che vorremmo dedicare a tutte le donne di questa terra e a tutte quelle che la visitano. La loro storia che cammina lungo le nostra costa ci ricorda che il bello va cercato, alimentato, difeso e raccontato.

Se Gioacchino Murat nel 1811 a Santa Maria di Castellabate disse “Qui non si muore” noi oggi aggiungiamo “da qui si passa e magari si decide anche di restare”.

Nel Cilento ci passi e ci resti per la sua bellezza. Per il suo lavoro ben fatto. Per la sua accoglienza. Per la sua creatività. Per il suo mare. Per la sua cultura. Per il suo cibo.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019