• Home
  • Cronaca
  • Ottati, il racconto del rocciatore: «Non ho mai visto nulla di simile»

Ottati, il racconto del rocciatore: «Non ho mai visto nulla di simile»

di Luigi Martino

“In 31 anni che faccio questo lavoro non ho mai visto nulla di simile”. Queste le prime parole del rocciatore che si è calato dall’alto sul luogo dell’accaduto per la prima volta. La quantità di massi, detriti, terreno e vegetazione venuta giù è semplicemente da brivido, frutto anche degli accumuli avuti negli anni addietro. Tre i livelli di barriere paramassi che sono state letteralmente spazzate via, pur avendo attutito il colpo di centinaia e centinaia di tonnellate precipitategli addosso, assolvendo la loro funzione. Ma ciò non è bastato.

All’indomani della frana che si è abbattuta con veemenza sulla strada provinciale 12 che collega Ottati con Sant’Angelo a Fasanella, è partito uno degli interventi di messa in sicurezza e pulizia del costone.

«Altrettanto importante è la quantità di materiale in equilibrio precario e che potrebbe venir giù da un momento all’altro» fanno sapere gli esperti che sono a lavoro. «Pertanto, il primo intervento da fare, dopo un disgaggio preventivo che consentirà altre lavorazioni in sicurezza a valle, è quello di ripristinare le barriere, scongiurando ogni altro pericolo per gli immobili in fase di disgaggio massivo e approfondito sulla parete rocciosa».

Mercoledì mattina si avrà un geologo rocciatore che certificherà l’effettiva condizione di pericolosità a valle e, soprattutto, a monte, propedeuticamente all’avvio di ogni lavorazione. Come detto, è stato redatto un quadro di spesa, ancora non realissimo, che ammonta a 400.000 € circa, comprendente ispezione, disgaggio preventivo, ripristino barriere, disgaggio massivo, rimozione e smaltimento materiale roccioso e detriti.Il lavoro è incessante e pesante.

«Vorremmo si ripristinasse tutto quanto il prima possibile, ma dobbiamo assumere responsabilità nella realizzazione delle fasi perché sono coinvolte vite umane e immobili costati sacrificio da preservare – fa sapere il sindaco di Ottati, Elio Guadagno -. Dalla Regione Campania stiamo ricevendo la massima attenzione per la risoluzione del problema, che confidiamo avvenga nel minor tempo possibile! Intanto domani la Giunta Comunale delibererà il ristoro per le attività commerciali danneggiate dall’evento franoso del 10 Dicembre u.s. ed approverà l’avviso pubblico per l’assegnazione delle risorse economiche a sostegno del commercio e dell’artigianato di Ottati ammontanti a 19.613,00 € previste dal fondo nazionale di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019