Pedemontana, la strada della tragedia del piccolo Emanuele: «E’ un pericolo»

di Luigi Martino

di Antonio Vuolo

«E’ un pericolo, è un pericolo» continua a ripetere uno dei residenti della zona. Siamo a Verduzio, comune di Casal Velino, a ridosso della strada provinciale 274, la cosiddetta Pedemontana, dove una decina di giorni fa ha perso la vita in un terribile incidente stradale il piccolo Emanuele. Proprio in quella zona, tra Omignano e Casal Velino, la strada versa in pessime condizioni. Anche gli ultimi rattoppi della Provincia hanno retto ben poco, sotto il peso della pioggia. E i pericoli per gli automobilisti che la percorrono non sono pochi. Del resto, anche negli anni addietro, la Pedemontana è stata teatro di bruttissimi incidenti. “Ci vorrebbe un intervento serio di messa in sicurezza, altrimenti piangeremo altre vittime innocenti” conclude un altro cittadino.

Articoli correlati:

Casal Velino, auto finisce in un canale: muore bimbo di 4 anni
Casal Velino, Emanuele muore a 4 anni. Sorellina trasferita a Napoli
Tragedia Casal Velino, ultimo saluto al piccolo di 4 anni

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019