Rory Oliviero arrestato in hotel nel Cilento, trovato con pistola, assegni e soldi

di Redazione

L’ex consigliere comunale di Ercolano, Mario Oliviero, detto Rory, è stato arrestato nel Cilento. L’uomo è stato trovato in un albergo tra Vallo della Lucania e Cannalonga con una pistola, risultata detenuta illegalmente, coltelli, assegni e diverse migliaia di euro in contanti.  

L’ex consigliere comunale è stato arrestato dai finanzieri di Vallo della Lucania, e posto ai domiciliari. Nel 2018 era stato indagato per corruzione (poi prosciolto), dopo l’inchiesta giornalistica di Fanpage.it “Bloody Money”, perché fu filmato con l’ex boss Nunzio Perrella mentre trattava una presunta tangente da 50mila euro per l’affidamento di un servizio di smaltimento di rifiuti in Campania. Nell’inchiesta di Fanpage.it Perrella interpretava un sedicente imprenditore dei rifiuti, pronto a offrirsi per lo smaltimento di fanghi di depurazione. Nell’occasione si difese sostenendo che «non si tratta di una tangente, era il mio compenso». A riportare la notizia ieri La Repubblica.

©Riproduzione riservata