Offerta 2023

Sanità, lettera aperta delle mamme: «Servizi essenziali ai nostri bimbi negati nel Vallo di Diano»

| di
Sanità, lettera aperta delle mamme: «Servizi essenziali ai nostri bimbi negati nel Vallo di Diano»

Sanità al collasso e servizi essenziali “negati” nel Vallo di Diano. E’ quanto evidenziato dall’associazione “La rubrica delle mamme del Vallo di Diano”. Le carenze riguardano in modo particolare anche «un servizio di assistenza sanitaria pediatrica di base quasi completamente assente e inesistente». Pubblichiamo integralmente la lettera.

La lettera

Egr. Dirigente Vastola e Egr. Dirigente Chiurillo, la presente per significarVi gli enormi disagi che le famiglie del territorio valdianese stanno riscontrando nella gestione del servizio pediatrico di base. L’Associazione La Rubrica delle Mamme che qui Vi scrive, da diverso tempo ormai, è divenuta punto di riferimento dei genitori valdianesi che, in diverse occasioni, hanno rappresentato le innumerevoli criticità afferenti al profilo dei servizi sanitari che avversano il Vallo di Diano. L’accesso alla sanità pubblica, nel nostro territorio, è ormai divenuto una chimera. Strumentistiche assenti, file d’attesa interminabili. Tanto è stato fatto ma tanto, ancora, c’è da fare. La chiusura del punto nascita di Polla pende sulle nostre teste come una spada di Damocle e, nonostante gli sforzi, si accompagna ad una generale sfiducia di chi il Vallo di Diano lo vive e ne subisce i tanti disservizi. Non abbiamo intenzione di tediare chi ci legge con un’elencazione analitica dei tanti problemi che le famiglie, a diverso titolo, si trovano ad affrontare sin dal primigenio momento in cui decidono di essere famiglia ma non possiamo più tacere innanzi agli enormi disservizi che, in particolare, la parte nord del Vallo di Diano sta subendo. In rappresentanza delle tante mamme e dei tanti papà che si ritrovano, quotidianamente, a combattere contro un servizio di assistenza sanitaria pediatrica di base quasi completamente assente e inesistente. Vi chiediamo, ufficialmente, di intervenire, per quanto è nel vostro potere, affinché il perdurare della criticità cessi. Da diverso tempo, oramai, ci vengono segnalati pediatri irreperibili, telefoni che squillano a vuoto e ricorsi al Pronto Soccorso di Polla e perché i genitori non hanno alternativa e perché vengono addirittura ivi rimandati, con un evidente sovraffollamento del servizio di primo soccorso del presidio ospedaliero pollese nonché con un chiaro aggravio del rischio di contagio sia per i piccoli pazienti che vi giungono sia per i pazienti già presenti, dal momento che l’emergenza pandemica non può dirsi finita. Egr. Dirigente Vastola, Egr. Dirigente Chiurillo, le famiglie sono allo stremo. Il Vallo di Diano è quotidianamente sottoposto a una spaventosa erosione dei servizi essenziali che vengono costantemente negati alle persone. Non è accettabile che non si riesca a ricorrere ad un pediatra di base e bisogna rivolgersi a pediatri privati per ottenere una visita, un consulto. E dire che la maggior parte delle famiglie si riferisce ai pediatri solo in casi di reale necessità. Non tutte le famiglie hanno la possibilità di rivolgersi ad un professionista privato. Ma tutte le famiglie hanno il sacrosanto diritto che venga garantito il diritto alla salute costituzionalmente garantito da uno Stato che, tra i migliori al mondo, prevede per i suoi cittadini l’accesso gratuito alle cure. Peccato che nel Vallo di Diano questo accesso sia, praticamente, negato! Non sappiamo quali possono essere le motivazioni che sottendono un simile disservizio e, pertanto, rivolgiamo caldamente a Voi un appello affinché Vi attiviate per garantire un libero e sereno accesso alla sanità pubblica da parte di tutte le mamme e i papà del territorio ed evitare, che ancora una volta, il Vallo di Diano sia depredato di un servizio essenziale, ad incentivo di chi in questo territorio continua a crederci e spera che qualcosa di buono ne possa sempre derivare.



©Riproduzione riservata
×