Sanremo, il Festival della canzone italiana

di Giuseppe Amorelli – Avvocato

“Una nuova iniziativa, volta a valorizzare la canzone italiana, è stata recentemente promossa dalla Rai e avrà, questa settimana, la sua realizzazione conclusiva. L’intento principale è quello di promuovere un elevamento nel campo della musica leggera italiana, compatibilmente con i presupposti «popolari» propri del genere in sé stesso, ma in maniera da colmare le sensibili manchevolezze che vi si riscontrano oggi, e da soddisfare le sia pure elementari esigenze estetiche che anche la canzone in quanto espressione musicale, propone… D’intesa con la direzione del Casinò Municipale di Sanremo, la Rai ha ora indetto un «Festival della canzone italiana» che culminerà in

una serie di manifestazioni pubbliche nei giorni 29, 30 e 31 gennaio presso il Casinò di Sanremo.” Cosi si esprimeva il “Radiocorriere n°5 del 28 gennaio 1951 fornendo i dettagli  relativi al primo festival della canzone italiana . Infatti 29 gennaio 1951, alle 22 ,il brillante presentatore Nunzio Filogamo dichiarò aperto, dal Salone delle Feste del Casinò Municipale di Sanremo, il primo Festival della Canzone italiana che era , qui la peculiarità,  trasmessa  in diretta radiofonica a milioni di persone  e davanti a un pubblico, che era seduto a tavolino tipo cafè-chantant, non molto numeroso e , dicono le cronache dell’epoca, poco attento alla manifestazione canore. Famoso rimane e forse anche attuale, vista la pandemia di oggi,  lo slogan, lanciato da Nunzio Filogamo, destinato a entrare nell’immaginario collettivo nazionale: “Miei cari amici vicini e lontani…”.  La Kermesse canora prevedeva che le venti canzoni finaliste, selezionate tra le 240 giunte alla commissione esaminatrice dalle varie case editrici, e presentate da Nilla Pizzi”, Achille Togliani e il Duo Fasano, davanti al pubblico del Salone delle Feste, venissero eseguite  dall’«Orchestra della Canzone» diretta dal maestro Cinico Angelini e composta da otto elementi. Al termine delle due serate preliminari, tra le dieci canzoni giunte alla finale di mercoledì 31 gennaio 1951, furono scelti i tre brani vincitori da una giuria composta dalle persone presenti in sala, e presieduta dal maestro Razzi per la Rai, Pier Bussetti per il Casinò, Giovanni Asquasciati, vice sindaco di Sanremo, Mario Sogliano, capo ufficio stampa della casa da gioco, Nunzio Filogamo, l’avvocato Nino Bobba e una signora (il cui nome è rimasto ignoto) in rappresentanza del pubblico.

Come da regolamento le canzoni  da cantare venivano affidate da una commissione  artistica del festival ai  vari cantanti  per cui non erano gli artisti a scegliere il brano musicale. Ancora non era giunto il tempo dei “cantautori”. Solo  al  festival del 1958,  quando fu presentato uno  strano brano, che si discostava dal genere musicale imperante,  scritto da  Franco Migliacci e che nessuno volle cantare, fu  affidato al suo coautore Domenico Modugno , la canzone che poi risultò vincitrice: Nel blu dipinto di blu.  

Il Festival della canzone italiana infatti nasce in una epoca in cui l’Italia era appena uscita dalla guerra  e ne subiva ancora le ferite,  che ancora si sentiva in parte contadina e combatteva la ulteriore battaglia contro l’analfabetismo.   

La canzone italiana era ancora  pura espressione di un sentimento, legata al binomio cuore-amore, non erano ancora nati i “cantautori” che solo alla fine degli anni 60, porarono una ventata di cambiamento nel panorama musicale italiano, proponendo brani intrisi di prfonda idealità e ribellismo. Infatti, alla prima edizione del festival  risultò vincitrice il brano scritto da mario Panzeri: ”Grazie dei Fior” cantato da Nilla Pizzi. 

Da sempre il festival di Sanremo , il festival della canzone italiana risulta la manifestazione “culturale” italiana più controversa, tutti dicono di non guardarla ma fa sempre ascolti record.

Oggi come allora  il festival è stato creato dalla case discografiche. È fatto e creato appositamente per promuovere il cantante di turno attraverso musica creata ad arte per piacere a tutti e a nessuno. 

Infatti gli artisti che parteciapano al Festival  hanno  una canzone scritta e creata solo per questo, fatta secondo i suoi canoni.

Nel 1967, il grande ed indimenticabile Luigi teco dovette “adattare” al festival un suo brano dal titolo “Li vidi Tornare”  che aveva uno sfondo ed un significato  di protesta contro la guerra, con il brano “Ciao amore Ciao”. Il risultato è noto a tutti.

Quasi mai  i grandi artisti hanno primeggiato al festival. Basti pensare a Lucio battisti che vi partecipò nell’anno 1969 in coppia con Wilson Picket con il brano:”Una avventura” che  fu ed è un gran successo, ma che al festival arrivo tra gli ultimi.

Il Festival che nasce  nel salone delle feste del Casinò di Sanremo, per passare poi nell’anno 1976 al teatro Ariston sempre in Sanremo , non è solo semplicemente la rassegna della canzone italiana, in cui partecipano sia i ragazzi usciti da “Amici” che i matusa,  rimane  il “palcoscenico”  in cui  si esibisce il costume italiano.  Nata come esternazione di sentimenti o stati d’animo di vario genere, ha via via assunto molteplici connotati: di protesta sociale, di canto liberatorio, di divertimento. Dietro di essa  si muovono molteplici interessi: di pubblico, di case discografiche, di mercato, di “gossip” Il Festival è sopravvissuto alla contestazione degli anni Settanta, ai cambiamenti di mode e costumi. La sua vitalità non conosce   una fine. Buon Festival a tutti.