• Home
  • Cultura
  • Si rialza il sipario sul Cine-teatro “Ferrari”

Si rialza il sipario sul Cine-teatro “Ferrari”

di Marianna Vallone

Nicola Granata, titolare della ditta ‘Italceramiche’, con sede legale a Sala Consilina e vincitrice della gara d’appalto per il recupero del Cine-teatro “Ferrari” di Sapri, ha annunciato, tramite una lettera al Sindaco D’Agostino, che finalmente inizieranno i lavori di ristrutturazione del grande immobile.
Ricordiamo che il progetto ha ottenuto, nel febbraio scorso, il cospicuo finanziamento di 1.980.000,00 euro che consentirà, attraverso una serie d’interventi, di recuperare la struttura tanto cara ai sapresi e ai cittadini del Golfo di Policastro.
Questo immenso gioiello di Piazza Regina Elena, regna, da ormai settant’anni, come una stanca ed affascinante sovrana.
Ha visto proiettati grandi capolavori cinematografici, ed ospitato numerose rappresentazioni teatrali; ha regalato sogni ed emozioni ai tanti che, negli anni cinquanta, non possedevano la mitica ‘scatola magica’.
Per troppo tempo (quasi vent’anni) è rimasta immobile, silenziosa
e solo nell’ormai lontano 2001 ha riaperto i battenti, in via del tutto eccezionale, per la proiezione del primo capitolo della famosa saga de “Il Signore degli Anelli”.
Ora, che finalmente sta per concretizzarsi il sogno dei tanti che non vedono l’ora di prender posto in sala, godiamoci il film del ‘ritorno agli antichi splendori’ ed incrociamo le dita affinché si rialzi davvero il sipario sul mitico Cinema saprese.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019