• Home
  • Cronaca
  • Spigolatrice, lo storico Viviani difende l’opera di Emanuele Stifani

Spigolatrice, lo storico Viviani difende l’opera di Emanuele Stifani

di Maria Emilia Cobucci

E’ su tutti i giornali la statua della Spigolatrice di Sapri, realizzata dall’artista Emanuele Stifani e collogata sul lungomare. Ed è sulla bocca di tutti, anche di chi l’ha definita sessista e di cattivo gusto. Non è d’accordo con queste accuse lo storico dell’arte Nicola Viviani, attualmente ricercatore presso l’Università di Warwick, che in una lettera, condivisa sui social dal sindaco di Sapri, Antonio Gentile, difende l’opera dello scultore cilentano. La pubblichiamo integralmente

Leggiamo sui quotidiani le dichiarazioni di Boldrini e Cirinnà a chiosa del nuovo monumento di Sapri dedicato alla Spigolatrice: ‘schiaffo alla storia delle donne’, ‘simbolo di un’Italia maschilista’. La curiosità è troppa per soffermarsi al titolo, e scorriamo la notizia in cerca di una foto dell’opera incriminata.

Che delusione: nient’altro che un bel bronzo a cera perduta, raffinatissimo nella realizzazione tecnica (squisito il contrasto tra pelle lucida e opacità della veste), e con evidenti richiami ad una tradizione figurativa millenaria.

Delude anche l’autore, Emanuele Stifano: sembra saper modellare per davvero, e verosimilmente non è il tipico raccomandato della politica che invade angoli urbani con immondizia. A questo punto, dobbiamo dirlo, non può che deluderci anche il sindaco Antonio Gentile per aver commissionato il monumento a un bravo scultore senza prima aver domandato ai membri della giunta se qualcuno avesse, tra coniugi, figli e nipoti, qualche aspirante artista da lanciare (a spese della collettività, naturalmente).

Venendo all’opera, i riferimenti al panneggio trasparente sul ventre e sul seno dalla Nike di Samotracia (I secolo A.C.) e alle terga della Venere Callipigia (II secolo D.C.) sono lampanti: vette di un inarrivabile classicismo con le quali ogni artista dotato di un minimo senso di realtà, specialmente se impegnato in opere monumentali destinate ad aree pubbliche, sa di dover fare i conti. Le pupille concave, chiaramente ispirate al David di Michelangelo (1504), donano profondità e solennità allo sguardo della donna, e la posa è un inconfondibile omaggio a una tra le opere rinascimentali più celebrate di ogni tempo, la Nascita di Venere di Botticelli (1485). Ma in un momento storico come il nostro, che vede ministri vantarsi pubblicamente della propria condizione di autodidatti dell’istruzione, non sorprende che Boldrini e Cirinnà, neo-avventuriere della critica d’arte, ignorino le colte citazioni ai maestri del passato ravvisabili da chiunque abbia sfogliato nella propria vita un qualsiasi libro di storia dell’arte.

Restiamo infine allibiti nel leggere la risposta dell’autore a tali critiche: invece che prostrarsi ai venti propagandistici odierni e porgere le proprie scuse nella speranza di non perdere future commissioni, afferma sì di aver sbagliato, ma nel non averla ritratta nuda. Artista evidentemente libero non solo con le mani, ma anche col pensiero. A quel punto, le ministre avrebbero esatto un nuovo Daniele da Volterra (il ‘Braghettone’ che vestì i personaggi nudi nella Cappella Sistina), rinnegando anni di lotte sociali e culturali durante i quali la sinistra scandiva lo slogan ‘oscena non è una donna che mostra il pelo del pube, bensì un generale vestito di tutto punto che sfoggia le medaglie’, ispirato da Saggio sulla Liberazione di Herbert Marcuse (1969).

C’è da augurarsi che, come accade alla Giulietta di Costantini esposta nel centro storico di Verona, i passanti prendano ad accarezzarla, lucidando e mantenendo vivo il bronzo. Chi non conoscesse questo curioso aneddoto sappia che è tradizione di uomini e donne (è bene sottolinearlo!) strofinare la mano sul seno dell’amante veronese per accattivarsi la buona sorte. È questo, infatti, il punto in cui il bronzo risplende aureo in un contesto scultoreo quasi completamente ossidato dalle intemperie.
La scultura di Stifano è stata posata, decidano ora i sapresi ove poggiare i propri palmi.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Maria Emilia Cobucci

Giornalista per scelta ma anche per passione. Da sempre. Testarda e determinata come ogni cilentana che si rispetti. Amo raccontare il mio territorio, ricco di bellezze ma anche di tante storie che tutti dovrebbero conoscere.
Tutti gli articoli di Maria Emilia Cobucci

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019