• Home
  • Cultura
  • Una cilentana al Grande Fratello? L’intervista

Una cilentana al Grande Fratello? L’intervista

di Giuseppe Galato

Si chiama Valeria Mautone, è originaria di Vallo Della Lucania, ha 34 anni e sogna di varcare la porta della casa del Grande Fratello. Le abbiamo chiesto cosa l’ha spinta a partecipare ai provini della trasmissione, di George Orwell, di Angelo Vassallo e di cosa ne pensa della condizione attuale del Cilento.

D: Hai partecipato alle selezioni on-line per entrare nel cast del Grande Fratello 11. Come funziona il meccanismo?
R: Nel cast sono già entrata. Tu fai la tua candidatura al sito del Grande Fratello 11 e loro se ritengono che sei adatta ti confermano la tua candidatura. Poi ti danno un codice e attraverso il televoto puoi farti votare.
 
D: Quindi ancora non sei nel cast.
R: Casting on-line. Tra l’altro è anche terminato.
 
D: Ma il casting, lo dice la parola stessa, è la fase che serve per delineare il cast. Quindi se passi il casting fai parte del cast. Quindi le votazioni sono chiuse: com’è andata?
R: Benissimo. Sono all’11esima posizione su 30 mila e più in tutta Italia e sono la prima donna più votata.
 
D: Quindi entrerai nella casa?
R: No, adesso dobbiamo attendere le valutazioni del GF e poi ci chiamano.
 
D: Quindi ora devi solo incrociare le dita e attendere: sei emozionata?
R: Tranquilla!
 
D: Cosa ti ha spinto a provare ad entrare nel cast del Grande Fratello?
R: Ho fatto il casting on-line un po’ per scherzo, un po’ per curiosità, ma figuriamoci se pensavo mai di riuscire ad entrare su tantissimi candidati nei primi 100 (ride). Ed invece è stato così, grazie anche al sindaco di Vallo della Lucania, al comune, agli amici, a chi non mi conosce.
 
D: Perché, il sindaco ti ha aiutata in qualche modo?
R: Quando stavo per cedere alle tensioni del televoto mi ha sempre consigliato di vivere questa esperienza con molta naturalezza, senza pensare alle negatività. E vedere il primo cittadino della tua città consigliarti in positivo mi ha aiutato molto. Quindi al sindaco dottor Romaniello Emilio devo molto, tanto. Ha creduto in me, nelle mie idee.
 
D: Un rapporto, tra te e il sindaco, nato ultimamente grazie a questa tua candidatura o già vi conoscevate intimamente da tempo?
R: No, ci conosciamo tutti a Vallo e lui è sempre molto disponibile con noi giovane vallesi, quindi io appena sono entrata nella classifica dei primi 100 mi sono rivolta a lui per un consiglio.
 
D: Come passi le tue giornate, quali sono le tue passioni?
R: Io ho un’attività commerciale da 10 anni a Roccadaspide, un negozio di abbigliamento Zelig abbigliamento Uomo/Donna, quindi lavoro tutto il giorno.
 
D: E nel tempo libero?
R: Dipingo.
 
D: Dipingi solo per te stessa o ti capita di fare mostre, esposizioni?
R: No, per me stessa. Non avrei il tempo materiale per preparare una mostra, il mio lavoro mi lega per l’intera giornata.
 
D: Quali sono i posti che ti piace frequentare quando esci?
R: Trascorro le mie serate con amici, magari al “Diamante” a Pellare o alla “Caffetteria Della Piazza” nel centro della mia città. Domani sono stata invitata all’inaugurazione di una nuova discoteca, “Soraya Club”, a Vallo.
 
D: Quali altri posti del Cilento ti piacciono, a parte, naturalmente, quelli legati alla tua città?
R: Acciaroli, Marina di Camerota, Agropoli, che tra l’altro è dove ho scattato la foto per la mia candidatura, tra Agropoli e Santa Maria di Castellabate.
 
D: Parlando di Acciaroli, come hai preso la notizia dell’assassinio di Angelo Vassallo e cosa ne pensi di questo caso?
R: Io credo che le indagini faranno il loro corso e le idee del sindaco”PESCATORE” erano senza dubbio eccezionali!!! Quando sono rientrata nei primi 100 ho pensato che la casa del Grande Fratello è senza dubbio un grandissimo mezzo pubblicitario. Non si entra solo con il proprio nome o cognome ma anche con una propria storia, provenienza, luogo di origine. Basta pensare a molti dei ragazzi che abbiamo visto abitare la casa. Si è parlato spesso dei loro paesi non sempre molto conosciuti prima della loro partecipazione al programma. Perché la curiosità attira l’occhio della gente!!!
 
D: Quindi useresti questa tua candidatura anche come una vetrina per il Cilento. Cosa c’è da conoscere del Cilento e cosa c’è, sopratutto, che non va nel Cilento?
R: Guarda, se pensiamo alle lunghe file fatte recentemente al cinema per vedere pubblicizzata la nostra terra, con la bella Castellabate, ci rendiamo conto della forza dei media, quindi potete immaginare il ritorno che potremmo avere per le nostre splendide aree??? Il Cilento è un territorio bellissimo, con attrazioni paesaggistiche, folkloristiche e via discorrendo. Peccato che siamo abbandonati. Cosa non va??? Tutto.
 
D: Perché credi che la gente guardi programmi come il Grande Fratello?
R: Perché sono incuriositi dalle situazioni che si consumano all’interno della casa.
 
D: Il Grande Fratello prende il nome da un capolavoro delle letteratura del ‘900, “1984”, di George Orwell: hai mai letto questo libro?
R: Il libro parla di un personaggio immaginario creato da George Orwell. È il dittatore dello stato totalitario chiamato Oceania, dove descrive che nella società ciascuno individuo è tenuto costantemente sotto controllo dalle autorità.
 
D: E non credi che il programma del Grande Fratello sia proprio espressione dello stato di controllo mentale che il “potere” ha sulle masse come descritto da Orwell in “1984”?
R: Quello era un romanzo utopista. L’idea è stata presa sicuramente dal romanzo, ma è un mezzo di comunicazione pesante che fa illudere ma non è il mio caso. Comunque fu scritto il ‘48 perché credevano che nel 1984 succedesse questo. È una forma di celebrità, come dire quando dietro ai giornalisti che danno una notizia si vedono quei tipi che cercano celebrità mettendosi in risalto.
 
D: E credi che la televisione non sia cmq un sistema alquanto totalitario che porta gli individui a comportarsi in un determinato modo ed a pensare in un determinato modo?
R: La televisione è un grandissimo mezzo pubblicitario ma io che non ho mai tentato nessun provino e che non appartengo a questo mondo la vivo spontaneamente. Praticamente mi diverto. Sono stata votata e porto avanti quello che ho iniziato, non credo di essere la migliore o l’unica che possa partecipare. Io però, ho provato, un po’ per curiosità, e ora mi ritrovo in classifica dei primi 100; io cilentana!!!
 
D: Vuoi aggiungere qualcosa?
R: Sento di dire che siamo molto fortunati. Grazie anche al sostegno di tutti i Cilentani e di tutta Italia e credo che sia un peccato lasciare il Cilento a casa e far andare avanti sempre gli stessi.

 

Info: zelig_v@libero.it; www.facebook.com/valeria.mautone

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019