Tragedia Palinuro, fascicolo contro ignoti. Margarita morta dopo un volo di 50 metri

di Redazione

Un fascicolo aperto contro ignoti. Al momento non c’è nessuno iscritto nel registro degli indagati per la morte di Margarita. Una tragedia immane su cui sta lavorando la procura della Repubblica presso il tribunale di Vallo della Lucania. Nei confronti dei genitori della bimba di cinque anni già da sabato sera c’è un atto investigativo di persona sottoposta ad indagine, così come sono state ascoltate tutte le altre persone intervenute sul posto per aiutare la famiglia tedesca. Le indagini portate avanti dagli uomini della Capitaneria di Porto,  guidati dal comandante Francesca Federica Del Re, sono tese ad accertare eventuali responsabilità sul decesso della piccola. Margarita è morta per annegamento dopo un volo di circa 50 metri precipitando dal costone roccioso in località Punta della Quaglia, uno degli angoli più suggestivi della costiera Cilentana.

LE FOTO NEL GIORNO DELLA TRAGEDIA

La famiglia tedesca era partita dal faro per raggiungere il porto. All’altezza dell’antica torre Margarita è caduta in mare. Gli inquirenti stanno ricostruendo che cosa è accaduto sabato mattina per cercare di capire anche se la tragedia poteva essere evitata.  Si indaga anche sulla sicurezza dei sentieri. Il percorso teatro della morte di Margarita è stato posto sotto sequestro. Proprio sabato a Palinuro era stato presentato un progetto di valorizzazione e recupero dei sentieri da parte della Comunità Montana Bussento Lambro e Mingardo. Con la giusta manutenzione e una corretta segnaletica la tragedia si sarebbe potuta evitare? O è stato un incidente? Lo chiarirà la procura di Vallo della Lucania.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019