Un «Sacco di versi»: dal tetto del Cilento il concorso di poesia dedicato al territorio

Le poesie saranno liberamente ispirate al Cilento, ai suoi paesi, località e tradizioni, ma anche alle sue espressioni paesaggistiche, culturali, sociali, ambientali, artistiche e enogastronomiche. Si rinnova l’appuntamento con il concorso di poesia «Un Sacco di versi», giunto alla sua terza edizione. Un evento in crescendo per numero di poeti partecipanti e qualità delle opere a concorso. Non cambia l’organizzazione, che reca la firma in tandem del Comune di Sacco e della locale Pro Loco, riconfermate, inoltre, le tre  sezioni del premio (adulti, giovani under 18 con la novità delle scolaresche) a cui si aggiunge il Premio della Critica. Poesie inedite, in italiano o nel dialetto cilentano di lunghezza non superiore a 30 versi. «Un progetto culturale di promozione di un territorio marginale rispetto ai cicli e flussi dell’economia reale e trascurato dalle istituzioni, ma che possiede un’anima che trabocca idealità», ha detto il sindaco Claudio Saggese. L’iniziativa è rivolta anche ai numerosi residenti all’estero, rappresentati  dal presidente dell’associazione Sacchesi D’America Pasquale Masullo e portavoce della vivace comunità sacchese di New York. Il regolamento del concorso è scaricabile dal sito del Comune www.comune.sacco.sa.it  La cerimonia di premiazione avrà luogo in piazza del Popolo il 5 agosto, con la partecipazione di Vincenzo Pepe, Alfonso D’Acunto, Oreste Mottola, Enzo Landolfi, Teresa Monaco, Lucia Cariello, Luigi Crescibene, Pasquale Masullo e tanti ospiti della società civile e religiosa. 

©Riproduzione riservata