Vecchi forni del centro storico aperti per la panificazione collettiva di «La terra mi tiene»

Vecchi forni del centro storico aperti per accogliere la quinta edizione de «La Terra mi Tiene» che si svolgerà ad Atena Lucana il 23 e 24 aprile. «Non è la prima volta che ci riuniamo ad Atena Lucana per fare il pane. Anche quest’anno abbiamo riaperto i vecchi forni del centro storico, raccolto la legna e siamo pronti ad accogliere i compari che verranno con il loro grano e le loro braccia a dar vita alla quinta edizione de «La terra mi tiene». 

«Si inizia dalla preparazione del lievito madre. – spiega l’organizzazione – Come un bimbo dolcemente rinfrescato e poi tenuto al caldo tra le coperte come un tempo. La preparazione dell’#impasto a mani nude svela i segreti e l’intensità di ogni essere umano. Quegli umori influenzano la buona riuscita del pane. Messo a lievitare al caldo si accende il forno che lentamente prende il calore per poi lasciarlo al momento della cottura con lo stesso ritmo (#scanata). Per un buon pane esistono solo tempi lenti e poche semplici regole. Una su tutte l’amore».

Programma completo della manifestazione

Atena Lucana (SA) il 23 e 24 Aprile 2016

Sabato 23 Aprile

  • Ore 18.00
    Apertura manifestazione e presentazione regolamento panificazione
  • Ore 18.30 #luvatu
    Preparazione collettiva lievito madre luvatu (crisciu)
  • Ore 19.00
    Consegna chiavi forno
  • Ore 20.30
    Cena e musica popolare

Domenica 24 Aprile

  • Ore 11:00 #impasto
    Preparazione collettivo impasto
  • Ore 12:30
    Non-conferenza delle comunità appenniniche e le loro agri-colture. A tavola si parla meglio
  • Ore 17:30
    Pastori a sostegno della terra.

Caseificazione tradizionale.

 

  • Ore 18:00 #scanata
    Infornata del pane
  • Ore 18.30
    Torneo di morra delle comunità lucane
  • Ore 18.30
    Lettura di storie libertarie di animali rivoluzionari da La rivolta delle Pecore di Virginiano Spiniello
  • Ore 20:00
    Premiazione miglior pane
  • Ore 20:30
    Cena e letture teatrali di Paolo Apolito da “Ritmi di Festa. Corpo, danza e socialità”

Durante tutta la giornata i musicanti del Progetto Sanacore suoneranno per farci ballare e riflettere, evocando i luoghi dei versi di Rocco Scotellaro.

Tutti gli orari relativi alla panificazione sono indicativi: dipendono da condizioni metereologiche e di impasto.