• Home
  • Cronaca
  • Volpe detenuta in giardino come un animale domestico: scoperte anche baby tartarughe

Volpe detenuta in giardino come un animale domestico: scoperte anche baby tartarughe

di Antonio Vuolo

I militari della stazione carabinieri forestale di Capaccio Paestum, a seguito di controlli mirati alla tutela della fauna selvatica, coadiuvati da personale del servizio veterinario di Roccadaspide e dalle guardie zoofile dell’Enpa di Salerno, si sono portati nella località “Serra Ventola” in agro del comune di Roccadaspide

In esito ai controlli, i militari riscontravano che tale U.M. di Roccadaspide, deteneva un esemplare di volpe rossa (vulpus vulpus), animale selvatico e pericoloso ai sensi del D.M. Ambiente del 19/04/1996, e tredici esemplari di tartarughe baby note come testuggine di Hermann (Testudo Hermanni), specie protetta ai sensi della legge n. 150/92.

Ad un ulteriore approfondimento sulla detenzione di detti animali, si accertava che per la stessa non vi era alcun titolo autorizzativo e pertanto gli animali erano da considerarsi costretti in detenzione in maniera illegale.

Alla luce di quanto accertato si è provveduto a mettere sotto sequestro penale gli esemplari e, per la volpe, si è provveduto al suo invio al centro di recupero per animali selvatici di Napoli presso l’ASL NA1, centro abilitato anche alla valutazione sull’eventuale reintroduzione della bestiola in natura.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019