• Home
  • Cultura
  • Atena Lucana e Sant’Arsenio: un convegno sulla legge quadro relativa alle aree naturali protette e tre momenti di approfondimento culturale

Atena Lucana e Sant’Arsenio: un convegno sulla legge quadro relativa alle aree naturali protette e tre momenti di approfondimento culturale

di Vince Esposito

Quindici anni di impegno per la natura del Mediterraneo: sarà questo il filo conduttore della due giorni promossa dal Centro Studi Tegea ad Atena Lucana e Sant’Arsenio, nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, per festeggiare il traguardo dei primi quindici anni di attività.

Il 3 dicembre, ad Atena Lucana, si terrà un convegno sulla legge quadro relativa alle aree naturali protette, una legge che promuove la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale nel nostro Paese, circa il 12,5 per cento dell’intero territorio italiano.

Poiché la XIII commissione permanente del Senato (Territorio, Ambiente, Beni Ambientali) sta valutando l’opportunità di operare un intervento modificativo della legge quadro, anche al fine di aggiornare le disposizioni relative ai parchi, il convegno rappresenta un’utile occasione per formulare giudizi e proposte per i nostri legislatori.

Al convegno parteciperanno, tra gli altri, Amilcare Troiano, presidente del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano; Antonio Fasolino, assessore all’Ambiente della Provincia di Salerno; Donato Pica, consigliere regionale; Luigi Cobellis, consigliere regionale; Italo Cerise, presidente del Parco Nazionale del Gran Paradiso; Annibale Formica, direttore del Parco Nazionale del Pollino; Giuseppe Rossi, presidente del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Nella stessa serata si terrà la manifestazione di consegna del Premio Nazionale Tegea, che sarà conferito a Monsignor Angelo Spinillo, amministratore apostolico della diocesi di Teggiano – Policastro.

Il 4 dicembre, invece, a Sant’Arsenio, si prevedono tre momenti di approfondimento culturale.

Alle ore 18.00 si terrà la presentazione del libro “Il Fuoco dal mare” di Pietro Coiro e Giovanni Fulvio Russo, affidata ad Angelo Di Marino, direttore de La Città di Salerno.

Successivamente sarà consegnato a don Antonio Breglia, parroco di Santa Maria Maggiore, un attestato di benemerenza per l’apostolato svolto per quarant’anni a Sant’Arsenio.

L’incontro si concluderà con la consegna del prestigioso Premio Nazionale Giornalismo e Multimedialità Cilento e Vallo di Diano (sesta edizione).

Riconoscimenti a: Marco Ambrogi, Vittorio Bracco e Angela Tortorella, Antonella Citro, Enrico Coiro, Giuseppe Colitti, Arturo Didier, Nicola Femminella, Ida Guglielmotti, Salvo Iavarone, Fra Domenico Marcigliano, Mar. Danilo Marzullo, Valentino Mastrella, Ten. Giuseppe Mosca, Francesca Pica, Nicola Spinelli, Annamaria Torresi, Guido Villani, Romano Visci.

I vincitori per l’edizione 2011 sono: Adele Ammendola, giornalista Rai Tg 2 e Marco Demarco, direttore responsabile de Il Corriere del Mezzogiorno.

 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019