Rarissimo avvistamento, fotografo cilentano immortala due cicogne nere che si dissetano nel fiume

Spettacolare avvistamento sabato mattina all’oasi del wwf di Persano a Serre. L.M., dottore 30enne di Agropoli appassionato di volatili, dal capanno numero uno che affaccia nel tratto del fiume Sele che attraversa Campagna e Contursi Terme, ha catturato con la sua macchina fotografica due esemplari di cicogna nera, molto rara in Italia. Gli uccelli – secondo il parere del 30enne laureato in Scienze ambientali –  sono dei giovani-adulti perchè portano una livrea di piumaggio di transizione tra il giovane e l’adulto. La cicogna nera è un uccello dalle dimensioni notevoli con un’apertura alare in grado di raggiungere anche i 200 centimetri. Ha zampe lunghe e rosse come il becco e il contorno degli occhi. Nero è invece il piumaggio, contrastato da sfumature più chiare sul ventre, dove spiccano alcune piume biancastre. Rarissima in tutta Europa, la cicogna nera è ancor più rara in Italia, dove nidifica stabilmente solo da poco più di 15 anni. Pochissime, peraltro, le coppie censite, principalmente concentrate in Piemonte, mentre più di recente sono state accertate nidificazioni anche più a sud, tra Lazio, Basilicata e Calabria. «Anche nei giorni seguenti da altri amici mi è giunta la notizia che erano ancora presenti nell’oasi. Si pensa – dice L.M. – che comunque siano solo di passaggio  e si siano fermate all’interno dell’oasi per ristorarsi. Dalla mia esperienza posso dire che quei soli 110 ettari di natura protetta hanno e stanno contribuendo molto alla salvaguardia di molte specie sia stanziali che migratorie – afferma il dottore in Scienze ambientali – che giusto 10 minuti prima dell’arrivo delle due cicogne nere, ho avvistato e fotografato un’esemplare di lontra che si tuffava nel fiume. La presenza della Lontra ha contribuito notevolmente all’istituzione dell’oasi negli anni 80, e da esemplare raro di mammifero acquatico oggi non è difficile imbattersi in sue apparizioni fugaci».

©Riproduzione riservata
©Foto L. Miglino. Riproduzione vietata