Cilento, blitz delle guardie Wwf: due cacciatori nei guai. Sequestrati uccelli, armi e munizioni

Le guardie ambientali del Wwf del nucleo di Salerno hanno predisposto nel fine settimana diversi controlli in concomitanza con la riapertura della caccia. Le guardia hanno pattugliato l’intera provincia di Salerno per cercare di fermare l’attività di bracconaggio. Nel comune di Eboli, alcuni cacciatori dileguatisi alla vista degli agenti, hanno abbandonato sul terreno diversi esemplari di tortora dal collare (tortora domestica), illegalmente abbattuti e nei cui confronti la caccia è vietata. Nell’ area della Piana del Sele sono state denunciate due persone per aver abbattuto ben nove esemplari di colombaccio, specie per la quale la caccia non è ancora consentita, unitamente alla collaborazione dei carabinieri del comando stazione di Santa Cecilia, sono state sequestrate armi e munizioni. «I controlli continueranno senza tregua nei prossimi giorni come per tutta la stagione di caccia – dice Alfonso De Bartolomeis, da quest’anno coordinatore provinciale del nucleo guardie Wwf Italia sezione di Salerno – e negli intenti ci sono già interventi programmati, in stretta collaborazione con le forze dell’ordine alle quali vanno i ringraziamenti per la sempre attenta e preziosa disponibilità».

©Riproduzione riservata