• Home
  • Cultura
  • Camerota, Parrandeando premia Aniello De Vita e promette: «Terza edizione tutta brasiliana per mondiali calcio 2014» (FOTO)

Camerota, Parrandeando premia Aniello De Vita e promette: «Terza edizione tutta brasiliana per mondiali calcio 2014» (FOTO)

di Luigi Martino

Si è chiusa sabato sera la seconda edizione della manifestazione “Parrandeando ritmo y sabor latino nel Cilento”, tenutasi nell’area portuale di Marina di Camerota nel week end. Il pubblico ha potuto assistere venerdì all’incoronazione di miss ‘Alma Llanera 2013’ che, da giuria composta da giornalisti e dai sindaci di Camerota, Vallo della Lucania e Vibonati, è stata assegnata alla ragazza brasiliana Lisbruna de Oliveira. Lisbruna ha trionfato spazzando via la concorrenza di altre bellezze latine.

Venerdì sono stati diversi i momenti di spettacolo latino e cilentano, come la jam session della cantante cubana Doris Lavin e dei ragazzi di Camerota della Old Nine on Fire Crew e Cilento Rootz. Il gruppo reggae ha lanciato i singoli del nuovo disco e rispolverato il primo album. Sul palco sono poi salite le ballerine della scuola di danza il Carillon. La prima sera è terminata con il concerto del gruppo cubano Klave Cubana. La serata di sabato è stata aperta dalla chitarra di Angelo Loia e dalle note di ‘So natu a lu Cilento’. Subito dopo è stato premiato l’artista cilentano recentemente scomparso: Aniello De Vita. Il premio è stato assegnato ad Angelo Loia che ha raccolto degnamente l’eredità musicale di Aniello De Vita, «medico per sopravvivere e cantore per non morire» come lui stesso si definiva. Momenti musicali latini e cilentani si sono succeduti, fino al concerto finale del gruppo internazionale ‘Croma Latina’. I componenti del gruppo hanno promesso di girare la clip del prossimo brano inciso proprio a Marina di Camerota.

L’organizzazione ha dato appuntamento al 2014 con ‘Parrandeando’ tutto brasiliano in occasione dei mondiali di calcio che si svolgeranno proprio in Brasile.

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019