• Home
  • Cultura
  • Tartarughe di Cattolica in vacanza a Palinuro

Tartarughe di Cattolica in vacanza a Palinuro

di Luigi Martino

Questo evento, è realizzato dalla Stazione Zooologica di Napoli “A.Dohrn, nella figura del suo curatore, la Dott.ssa Flegra Bentivegna, e dal centro di riabilitazione Turtle point di Bagnoli, grazie alla collaborazione con il CEA “La Primula”, sotto l’egida dell’Assessorato all’Ecologia e Tutela dell’ Ambiente della Regione Campania. Lo staff dell’ Acquario di Cattolica giovedì mattina arriverà a Napoli presso il Turtle point con le due tartarughe marine, che saranno controllate dai veterinari con le prove in acqua di routine e gli aggiornamenti delle schede mediche per poi essere preparate per il rilascio in mare. 

Aurelia e Pelagia, spiaggiatesi nel febbraio 2010 lungo le coste campane, presentavano gravi sintomi di debilitazione e malnutrimento, con poche reazioni all’ ambiente. Soccorse e curate dagli esperti del Centro di riabilitazione Turtle Point di Bagnoli, sono state affidate all’Asilo delle tartarughe dell’Acquario di Cattolica il 12 ottobre 2010. In questi 11 mesi lo staff dell’Acquario ha garantito a queste giovani tartarughe un periodo di convalescenza. I biologi e il veterinario hanno monitorato la loro crescita: da 880 grammi e 1 chilogrammo al loro arrivo, oggi pesano rispettivamente 2,75 e 2,80, e da 18 e 20 centimetri oggi misurano 27 e 28 centimetri. Attualmente sono autonome e in ottima forma. Venerdì insieme alle altre tartarughe curate presso la struttura partenopea, saranno pronte per ritrovare il loro mare. 

Tra i numerosi giovani esemplari che saranno rilasciati a Palinuro, da segnalare “Crudelia” , una femmina adulta, dal carattere selvaggio e irascibile, che raggiunge i 60 kg e 75 cm di lunghezza, scelta per proseguire gli studi sul monitoraggio degli spostamenti di Caretta caretta in Mediterraneo.

Pertanto ad essa venerdì prima del rilascio verrà applicato un trasmettitore satellitare in grado di segnalare al sistema ambientale ARGOS, i movimenti e tutti gli spostamenti dell’ animale in mare al fine di identificarne le rotte che potranno essere seguite ogni giorno sul sito: seaturtle.org-satellite tracking. L’Asilo delle tartarughe marine è nato nel 2009 grazie ad un accordo tra l’Acquario di Cattolica, la Stazione Zoologica A. Dohrn di Napoli e la sua struttura distaccata il Turtle Point, rinomato centro di cura e riabilitazione delle tartarughe marine. Fino ad oggi, ha ospitato sei esemplari di tartarughe marine, riabilitate e successivamente rilasciate in mare nei loro luoghi di ritrovamento. 

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019