Beccato ai videogiochi dopo una condanna per violenza sessuale: finisce in carcere

Condannato per violenza sessuale in patria, aveva preferito scontare la pena in Italia. Un cittadino romeno aveva ottenuto gli arresti domiciliari. Mangiava e dormiva nella sua abitazione a Sicignano degli Alburni, pensando di poter derogare alla carcerazione domiciliare. I carabinieri lo hanno trovato ai videopoker di una sala giochi. Il romeno giocava con accanimento alle “macchinette” elettroniche, per nulla sorpreso dell’arrivo dei militari. I carabinieri lo hanno condotto in caserma per l’identificazione. Il romeno con il vizio del gioco trascorrerà la pena in carcere. I videopoker gli hanno fatto perdere i benefici concessi dal giudice.

©Riproduzione riservata