• Home
  • Cronaca
  • Condannata per spaccio Ilaria, figlia Cioffi indagato omicidio Vassallo

Condannata per spaccio Ilaria, figlia Cioffi indagato omicidio Vassallo

di Luigi Martino

Il gup del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere Ivana Salvatore ha condannato a tre anni e 4 mesi di reclusione Ilaria Cioffi, 25 anni, figlia dell’ex carabiniere Lazzaro Cioffi, indagato per la morte del “sindaco pescatore” di Pollica Angelo Vassallo e, in un altro procedimento, per aver favorito la camorra. La Cioffi era accusata di detenzione ai fini di spaccio di droga e minacce; con la ragazza, sono stati condannati altri due imputati a due anni e mezzo di carcere (Crescenzo Barletta e Antonio Carlo D’Onofrio). La Cioffi, difesa da Franco Liguori, e’ risultata coinvolta in giro di spaccio di cocaina tra Caserta e Maddaloni, che la porto’ in carcere nel dicembre 2019, quando fu sorpresa dai carabinieri a Caserta con ventiquattro dosi di cocaina in auto.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, sono proseguite mentre la Cioffi era detenuta, e hanno accertato l’ampiezza del giro di spaccio messo in piedi dalla 24enne; sono emersi numerosi episodi di cessione di coca e crack a carico suo e dei complici, e sono state riscontrate le minacce commesse con l’uso di un’arma ai danni di alcuni acquirenti, che, a detta dei pusher, non avevano pagato le dosi.

Gli approfondimenti effettuati portarono, nel giugno 2020, all’emissione di ulteriori misure cautelari per la Cioffi e i complici; la 24enne, che intanto era stata posta ai domiciliari, fini’ di nuovo in carcere ed e’ stata poi scarcerata a fine dicembre.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019