• Home
  • Cultura
  • La Certosa di Padula aperta a ferragosto

La Certosa di Padula aperta a ferragosto

di Federico Martino

I visitatori che si recheranno a Padula potranno ammirare la mostra documentaria  La Certosa di Padula nel libro di Thomas Salmon del 1763 e  nella  cartografia  del XVIII secolo  che  rimarrà aperta  fino al 30 settembre 2010. L’esposizione, a cura  di Eufemia Baratta, Bibliotecario Direttore Coordinatore della Soprintendenza, ha avuto inizio durante la XII Settimana della Cultura  (16-25 aprile 2010) presso l’Appartamento del Priore della Certosa ed osserverà i consueti orari di visita alla Certosa.

                                                                 La mostra.
Si espone al pubblico il XXIII volume dell’opera di Thomas  Salmon, noto viaggiatore inglese del XVIII secolo, pubblicato a Napoli nel 1763 nella tipografia di Vincenzo Mazzola – Vocola, situata in Via Medina;  acquistato qualche anno fa dalla Soprintendenza BAP di Salerno ed Avellino. Esso tratta del Regno di Napoli ed è un documento fondamentale per la storia della Certosa di Padula e per la comprensione  dell’importanza ad essa tributata, nel XVIII secolo, nell’ intero territorio del Regno di Napoli. Al suo interno, infatti contiene:  una  dettagliata descrizione (da pagina 166 a 170) degli splendidi ambienti e dei preziosi arredi  della Certosa di San Lorenzo, una grande tavola,  piu’ volte ripiegata – che in questa sede si presenta nel suo formato originale di cm. 46 x 33 –  con la  veduta dell’intero Monumento, opera  dell’incisore romano Francesco Sesone ed infine,  l’accurata dedica stampata sul  frontespizio, rivolta al potente Priore pro-tempore della Certosa,  D. Andrea Maria Micheli. Completano l’esposizione le  riproduzioni fotografiche delle  altre piante o  "vedute a volo  d’ uccello" della Certosa di Padula, a testimonianza  della preziosa documentazione cartografica finora conosciuta,  relativa al  XVIII  secolo. L’ingresso alla Certosa è gratuito  per tutti i cittadini appartenenti all’Unione Europea, di età inferiore ai 18 anni e superiore ai 65,  per   disabili  e ad un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria . L’ingresso gratuito è consentito  anche a particolari  categorie  di studenti o insegnanti  (architettura, storia dell’arte,ect.).
Il biglietto, pari a 4  €,  è ridotto del 50%  per i giovani di età compresa tra i 18 anni e i 25 anni   così come per gli insegnanti di ruolo nelle scuole statali italiane. L’ingresso, invece, al parco della Certosa è gratuito.
 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019