• Home
  • Cultura
  • Le nonnine del Cilento diventano guide d’eccezione per una scolaresca di Torino

Le nonnine del Cilento diventano guide d’eccezione per una scolaresca di Torino

di Luigi Martino

Accade nel Cilento. Nel cuore di questa terra. Accade all’improvviso, senza aver organizzato nulla. Ieri, mercoledì 20 marzo, quando mancano poche ore alla primavera, tre scolaresche hanno deciso di visitare PollicaAcciaroli e Pioppi, culle della dieta Mediterranea. Gli alunni, di Torino, Solofra e Casalvelino, hanno visitato il museo vivente della Dieta Mediterranea e, alcuni di loro, avevano il compito di raccontare, sul giornalino della scuola, un luogo bello del territorio che avevano appena visitato. Eccole che sono entrate in gioco Giovannina e Maria, due nonnine del paese tanto amato da Ancel Keys. Via i ‘mantesini’ e velocemente hanno indossato i panni di guide d’eccezione. Hanno rubato letteralmente la scena a Valerio Calabrese, direttore del museo, che racconta con tanto piacere la storia attraverso i propri canali social: «Questo è un museo vivente. Questa è la dieta mediterranea. Questo è il Cilento».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019