• Home
  • Cultura
  • Le fotografie dipinte, domani il taglio del nastro della mostra nel castello dell’abate

Le fotografie dipinte, domani il taglio del nastro della mostra nel castello dell’abate

di Federico Martino

 

«Diamogli il sole e i gigli fioriranno ancora», è il titolo della personale di Maria Monica Martino che si apre domani (15 settembre) alle ore 17,30 nel suggestivo scenario del castello dell’abate a Castellabate. La mostra, che rimarrà allestita fino al 25 settembre, si svolge nel comune cilentano che l’artista salernitana ha scelto come suo “buen retiro” e che la stessa ritrae con dipinti, foto e poesie. La cerimonia di inaugurazione sarà presieduta dal sindaco Costabile Maurano.

La tecnica utilizzata per le opere è una commistione tra pittura e fotografia. Gli scatti che immortalano il paesaggio della costa cilentana sono, infatti, stampati direttamente su tela. Ma il pennello dell’artista interviene sapientemente sulle figure per sottolineare particolari, esaltare il colore, regalare suggestioni. Ad accompagnare la potenza evocatrice dell’Immagine c’è, come spesso accade nelle mostre di Maria Monica Martino, anche la Parola, che attraverso sapienti didascalie completa il dialogo con lo spettatore e rivela l’unità della persona.
Affianca ed esplicita il percorso espositivo il libro-catalogo «La rada del cuore», che è poi quella di San Marco di Castellabate con la sua natura potente.

Maria Monica Martino, autrice di numerosi saggi, articoli e opere letterarie, coltiva da sempre la passione della fotografia. Le sue opere sono state esposte in numerose mostre a Salerno e nel Cilento, in cui ha spesso scandagliato il legame tra la parola e l’immagine. 
È anche autrice della raccolta di fiabe “Dormici su”, pubblicato da Guida editore, e del volume di liriche e foto “L’arco di pietra” con presentazione del cardinale Renato Raffaele Martino. Alcuni suoi lavori realizzati con la tecnica del “chiacchierino” (frivolitè) sono stati esposti a Cracovia in una collettiva di presepi e a Giffoni Valle piana, nel chiostro di San Francesco. 
Tra i numerosi riconoscimenti che le sono stati tributati, ha ricevuto proprio di recente il primo premio al concorso “la pulce letteraria” a Villa d’Agri per la poesia “Fa friddo”.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019