Nel borgo antico di Teggiano le opere di Gualtiero Passani

0
65
La mostra di Passani a Teggiano

Sono una quarantina le opere della personale di pittura del maestro Gualtiero Passani esposte nel complesso monumentale della Santissima Pietà di Teggiano, nel Vallo di Diano. Si tratta della prima mostra in Campania, nella prossima primavera approderà a Napoli, del pittore 92enne originario di Carrara. Le opere in mostra percorrono circa 70 anni di arte pittorica di Passani: un excursus espositivo che parte dagli Anni 50′ e si conclude nel 2018 con l’ultimo dipinto realizzata dal pittore intitolato Racconto di Sera. Nella suggestiva cornice gotica della Santissima Pietà, l’itinerario della mostra segue quello creativo del pittore, si possono ammirare i diversi stili e tecniche di Passani con opere su olio su tela, olio su tavola, tempera su cartone, tempera su tavola ed acrilico su cartone.

Gualtiero Passani, pittore dinamico, nel corso della sua esperienza artistica è riuscito a conservare un proprio stile pur spaziando dall’impressionismo al futurismo, dall’espressionismo alla metafisica, all’astrattismo, fino all’informale. «In circa 70 anni di lavoro – afferma l’artista – ho cercato di esprimere i miei amori, le mie emozioni, le mie angosce, le mie gioie. L’arte di oggi manca di espressione interiore. L’opera d’arte è quella che racconta l’interiorità dell’artista altrimenti diventa esibizione tecnica, manualità, artigianato e non arte. Invito i giovani artisti ad imparare ad essere liberi e a non copiare tendenze o subire condizionamenti». Curata dal critico d’arte Lorenzo Pacini, la mostra, ad ingresso gratuito ,sarà aperta fino al 15 gennaio 2019 dal lunedì al venerdì (ore16-19), mentre sabato e domenica di mattina e pomeriggio (9-13 e16-19). L’evento espositivo vuole anche essere l’occasione per visitare il centro storico medievale di Teggiano, riconosciuto patrimonio mondiale dell’Unesco , con le sue tredici chiese, i quattro musei e gli altri siti esempi di preziosa architettura religiosa e civile.

©Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here