• Home
  • Cultura
  • “Da Vienna sulle orme del grand tour” l’università delle Arti Applicate di Vienna in trasferta nel Parco Nazionale

“Da Vienna sulle orme del grand tour” l’università delle Arti Applicate di Vienna in trasferta nel Parco Nazionale

di Federico Martino

Per una settimana hanno girato nei parchi archeologici di Pompei, Paestum, Velia, e nei borghi antichi del Cilento tra Torchiara e Vatolla, alla ricerca di suggestioni sulle orme del “grand tour”. Domani (venerdì 21 maggio) alle ore 18, una ventina di artisti dell’Università di Arti applicate di Vienna presenteranno le loro opere nel corso del cocktail che si svolgerà presso il Palazzo Baronale di Torchiara, dove le loro opere sono esposte da oggi (20 maggio) al 22 maggio (ore 18-21,30), nella mostra “Colpo d’occhio”.
Alla cerimonia interverranno le due ideatrici del progetto “Artist in Residence”, ovvero Gabriele Rothemann, artista e docente dell’Ateneo austriaco, e Angela Riccio de Braud, nota professionista nel mondo della comunicazione e proprietaria di Borgoriccio che li ospita, nonché il sindaco di Torchiara, Lello Gargano, il sindaco di Agropoli, Francesco Alfieri.
Lo storico palazzo del borgo negli ultimi giorni si è trasformato in un laboratorio dove gli artisti hanno realizzato le loro creazioni con tecniche diversificate, dalla fotografia al disegno, dalle stampe alla multimedialità.



L’iniziativa prende il via dall’amore per il Cilento, che rappresenta il luogo dove storia, tradizione ed arte esprimono una sintesi  unica al mondo. Di qui l’idea di sviluppare una serie di iniziative attraverso le quali attivare ed implementare negli anni una serie di scambi culturali con le principali Accademie europee di Belle arti, creando cosi un circuito che faccia ritornare il Cilento ad essere luogo di artisti.
«L’arte della Magna Grecia e le opere qui realizzate tra il 700 e l’800 sono per noi un riferimento culturale imprescindibile – afferma Gabriele Rothemann – ecco perchè abbiamo visitato primo tra tutti il museo del Grand Tour a Capaccio. Siamo grati a tutti coloro che hanno reso possibile questa esperienza che mi auguro possa avere un seguito, anche con il coinvolgimento di altri Atenei».
In questa prima edizione l’Università austriaca ha organizzato, nell’ambito della classe di Fotografia, uno stage di 10 giorni che si concluderà domenica 23 maggio: quindici gli studenti che  partecipano al progetto, guidati oltre che da Gabriele Rothemann, anche dai colleghi Judith Pichlmueller e Michael Hassmann.
«Mi auguro – afferma Angela Riccio – che con il sostegno della Regione Campania, della Provincia di Salerno e dell’Ente Parco, si possa fare di questa parte del Cilento una  nuova “Pont Aven”, dove  confluiscano in alcuni periodi dell’anno artisti da tutto il mondo, creando nuove occasioni di lavoro per l’ospitalità diffusa della zona. Devo ringraziare, per questa prima edizione, il Comune di Torchiara e l’Ente Parco che hanno patrocinato l’iniziativa, e l’azienda Santomiele che ha sostenuto il progetto».
Alcune opere realizzate verranno donate dagli artisti per creare un nuovo Museo d’arte contemporanea a Torchiara che sarà, sulla base della continuazione del progetto, alimentato di anno in anno. «L’Ente Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano  ha riconosciuto immediatamente la valenza di questa iniziativa – spiega il Presidente Amilcare  Troiano – Rappresenta la prima edizione di un progetto più ampio  che, ritengo avrà grandi  sviluppi, con un ritorno straordinario in termini economici e di immagine per tutto il territorio del Cilento e del Vallo di Diano».

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019