• Home
  • Cultura
  • Beni Culturali, Bellacosa: “Arte contemporanea e monumenti storici, binomio vincente per la promozione del nostro territorio”

Beni Culturali, Bellacosa: “Arte contemporanea e monumenti storici, binomio vincente per la promozione del nostro territorio”

di Federico Martino

riceviamo e pubblichiamo:

 

“Continuare a legare le opere di arte contemporanea con un monumento storico, come la Certosa di Padula,  è utile per promuovere la straordinaria vocazione turistica del Vallo di Diano e di tutta la nostra provincia. Un successo, come quello realizzato a Padula, dove si è riusciti a dare rilevanza internazionale ad un evento culturale, è un esperimento da ripetere in ogni altro sito monumentale del nostro territorio, che tanti siti e monumenti di interesse internazionale ospita”. Lo ha dichiarato l’assessore provinciali ai Beni Culturali, Adriano Bellacosa, in occasione della presentazione del catalogo della mostra “Fresco Bosco”, curata da Achille Bonito Oliva, organizzata in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnografici di Salerno ed Avellino. “L’opera di Bonito Oliva – sottolinea Bellacosa – rappresenta la prosecuzione di un lavoro avviato presso la Certosa di Padula, con la installazione di opere di arte contemporanea, all’interno delle celle dell’importante monumento del Vallo di Diano. E’ necessario ora, continuare nel segno di una proficua attività di collaborazione istituzionale, in funzione della promozione e della valorizzazione dei nostri beni culturali ed artistici”. All’incontro erano presenti: l’assessore Regionale alla Cultura, Caterina Miraglia; il soprintendente B.S.A.E. di Salerno e Avellino, Fabio De Chirico; il direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania, Gregorio Angelici, il conservatore della Certosa di Padula, Gennaro Miccio, il dirigente alla Cultura della Regione Campania, Antonio Oddati e il noto critico d’arte, Achille Bonito Oliva.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019