Dieci giorni in un rifugio di fortuna, ritrovato nel Cilento il 25enne scomparso da Sala Consilina

0
7

Michele Gallo, il 25enne di Sala Consilina scomparso dieci giorni fa, è stato trovato mentre girovagava in un terreno ubicato nei pressi della stazione di servizio di Caselle in Pittari dove, caso ha voluto, era stato individuato per l’ultima volta dalle telecamere di videosorveglianza prima di sparire completamente nel nulla. Si è mobilitato mezzo Cilento e tutto il Vallo di Diano per cercarlo. Finalmente domenica mattina la bella notizia è esplosa sui social: «Michele sta bene». 

E’ stato Eugenio Savino Tancredi, cittadino di Caselle in Pittari, a riconoscere il volto di Michele. Si è avvicinato al ragazzo, lo ha rassicurato e si è fatto raccontare qualcosa in attesa dell’arrivo dei soccorsi e dei familiari. Michele avrebbe raccontato di non essersi mai mosso da quel luogo. Si era creato un piccolo rifugio di fortuna e, probabilmente, questa mattina, causa pioggia, è uscito allo scoperto ed è stato, per fortuna, subito riconosciuto. Michele sta bene. E’ lucido e cosciente, al punto che avrebbe dettato ad Eugenio il numero di cellulare di sua sorella. Il soccorritore ha in questo modo rintracciato la famiglia che è giunta sul posto insieme ai carabinieri della stazione di Sala Consilina, coordinati dal luogotenente Cono Cimino, e ai carabinieri della stazione di Sanza, guidati dal maresciallo Antonio Rosso.

Michele è stato portato in caserma dalle forze dell’ordine dove con molta probabilità cercherà di spiegare i motivi dell’allontanamento, se realmente esistono, e come ha trascorso questi giorni lontano dalle mura di casa. Commovente l’abbraccio con il papà e la sorella. Festa sul web dove gli internauti che hanno conosciuto Michele attraverso gli appelli, esprimo tutta la loro gioia per il lieto fine di questa vicenda a tratti spaventosa.

©Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here